AperturaCronacaCronaca Germania

“Aspetta i giocatori. Mira a loro e ai loro tifosi”: Olympiastadion di Berlino tra gli obiettivi dell’Isis

La Spagna ha intercettato una manovra internazionale dell’Isis, smantellando una cellula multilingue nota come “I’lam Foundation“. Come target di possibili attentati era indicato anche l’Olympiastadion di Berlino e obiettivi europei legati allo sport.

Le agenzie di intelligence occidentali hanno inoltre rivelato come la polizia abbia impedito almeno dodici attacchi terroristici in Europa, negli ultimi dodici mesi.

Smantellata una cellula internazionale dell’Isis: nel mirino anche l’Olympiastadion

In base a quanto riportato dal quotidiano spagnolo “El Confidencial”, che ha diffuso la notizia dell’operazione contro “I’lam Foundation”, diversi manifesti sequestrati incoraggerebbero a colpire diversi obiettivi noti e sensibili, come gli stadi europei. In uno di essi si vedrebbe un militante di spalle, mentre imbraccia un fucile, e in evidenza ci sarebbe scritto: “Dove vuoi andare?“, con l’indicazione di tre possibili destinazioni: Berlino, Monaco e Dortmund. Ad accompagnare il tutto, uno slogan allusivo: “Tira l’ultimo goal!“.

Un altro manifesto mostrerebbe un uomo che apre il fuoco contro l’autobus del Real Madrid e un altro ancora un’immagine dello stadio del Real, con il messaggio: “Un obiettivo di grande valore ti sta aspettando“. Su un ulteriore manifesto si leggerebbe invece: “Mio caro fratello. Aspetta in un posto vicino al punto di arrivo dei giocatori. Mira a loro e ai loro tifosi“.

Lo smantellamento dell’organizzazione, che si era autoproclamata il centro mediatico multilingue dello Stato Islamico, con il compito di diffondere messaggio e direttive dell’Isis su scala globale, è stato attuato dalla Guardia Civil spagnola, in sinergia con Europol e l’FBI. Per contrastare la diffusione di questo materiale propagandistico, le autorità hanno agito chiudendo decine di server associati alla “I’lam Foundation”.

Nove persone sono state inoltre arrestate a Girona, Cadice, Almeria e Tenerife e l’operazione è stata supportata dalle autorità di Germania, Francia, Paesi Bassi, Estonia, Romania e Islanda, nell’ambito di una cooperazione transnazionale nella lotta al terrorismo. Il blitz spagnolo è scattato una settimana dopo l’arresto di un sospetto terrorista affiliato all’Isis da parte della polizia tedesca. Aveva cercato di intrufolarsi in uno degli stadi dei campionati europei come guardia di sicurezza.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Pulsante per tornare all'inizio