Plus Hostels website

dichiarazione dei redditi in germania

Contenuto promosso da Germantaxes.de

Dichiarazione dei redditi in Germania: un argomento molto discusso e a volte controverso, specialmente tra i lavoratori stranieri che si sono trasferiti in suolo tedesco per motivi professionali. In questo articolo germantaxes.de, tool leader per la dichiarazione dei redditi in Germania per i lavoratori stranieri, sfata cinque miti che ruotano intorno a questo argomento, dandovi tutte le informazioni utili per non avere più dubbi riguardo la vostra dichiarazione dei redditi in Germania.

Mito 1

Sono obbligato/a a fare la dichiarazione dei redditi in Germania
In realtà la maggior parte dei lavoratori dipendenti in Germania non è obbligata a fare la dichiarazione dei redditi. Tuttavia, è buona prassi controllare di anno in anno a quanto ammonta il rimborso fiscale e decidere, in base al suo valore, se inviare la dichiarazione dei redditi o meno. Questo controllo può essere fatto gratuitamente usando programmi online come germantaxes.de.
Queste invece sono le categorie di persone obbligate a inviare la dichiarazione dei redditi in Germania:
lavoratori dipendenti che hanno due datori di lavoro allo stesso tempo (classe fiscale VI).
lavoratori dipendenti sposati che hanno la combinazione di classi fiscali III/V oppure IV con fattore.
persone che hanno ricevuto più di €410/anno in sussidi statali quali sussidio di disoccupazione, assegni parentali, retribuzioni per malattia o per congedo di maternità.
persone che hanno ricevuto più di €410/anno attraverso altre fonti di reddito quali l’affitto di immobili.
lavoratori freelance e liberi professionisti.

dichiarazione dei redditi in germania finanzamt

Mito 2

Dovrò pagare soldi indietro
Anche questo mito è falso: l’88% dei lavoratori dipendenti che invia la dichiarazione dei redditi in Germania riceve infatti un rimborso fiscale. Il rimborso fiscale medio tedesco è €1007, ma i lavoratori stranieri che usano germantaxes.de ricevono in media €1150. I lavoratori stranieri sostengono spesso alcune spese detraibili che i lavoratori tedeschi non sostengono come, ad esempio, i costi per il trasferimento all’estero per motivi professionali. Per questo motivo il rimborso fiscale dei lavoratori stranieri è mediamente più alto. Come dicevamo sopra, è buona prassi controllare di anno in anno a quanto ammonta il rimborso fiscale e decidere se inviare la dichiarazione dei redditi o meno in base al valore del rimborso fiscale.

Mito 3

Se la faccio una volta, lo devo fare ogni anno
Assolutamente no: i lavoratori dipendenti che non sono obbligati a inviare la dichiarazione dei redditi, sono anche non obbligati a inviarla ogni anno se l’anno inviata una volta. Il nostro consiglio è di controllare gratuitamente su germantaxes.de a quanto ammonta il rimborso fiscale di anno in anno e decidere se inviare la dichiarazione dei redditi in base al valore del rimborso fiscale.

Mito 4

Non posso farla da solo/a. È troppo complicato.
Non è vero e vi spieghiamo il perché:
– Ci vogliono solo 15 minuti a inserire tutti i dati necessari su germantaxes.de.
– Il programma è completamente in inglese, il che rende il processo molto più semplice rispetto al dover farlo in tedesco per molti lavoratori stranieri in Germania. Inoltre germantaxes.de ha sviluppato video tutorial e guide online in italiano, che spiegano passo a passo come compilare e inviare la dichiarazione dei redditi tedesca.
– Il programma è molto facile da usare, in quanto ha un’interfaccia facile da navigare e i campi da compilare hanno una struttura a intervista, il che permette una compilazione dei dati guidata ed efficace.
Per tutte queste ragioni la dichiarazione dei redditi puoi farla tranquillamente da solo/a! Non occorre pagare €300 per un commercialista, quando puoi pagarne solo €34.90 con germantaxes.de!

finanzamt formular

Mito 5

Devo inviare la dichiarazione dei redditi prima della scadenza
Sfatiamo anche questo ultimo mito: la scadenza per inviare la dichiarazione dei redditi vale solo per i lavoratori dipendenti che sono obbligati a inviarla. In questo caso la dichiarazione dei redditi deve essere inviata entro il 31 luglio di ogni anno, per evitare di incorrere in multe dell’ufficio fiscale. I lavoratori dipendenti che non sono obbligati a inviare la dichiarazione dei redditi possono invece inviarla in qualsiasi momento. Ovviamente prima viene inviata, prima si ricevono i soldi del rimborso fiscale. Importante da ricordare: l’unica scadenza per i dipendenti che non sono obbligati a inviare la dichiarazione dei redditi è, ad esempio, il 31 dicembre 2019 per inviare la dichiarazione dei redditi 2015. La dichiarazione dei redditi, infatti, può essere inviata retroattivamente per un massimo di quattro anni.

Leggi anche: il video tutorial per fare la dichiarazione dei redditi in Germania

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here