Il 3 dicembre sarà la Giornata internazionale delle persone diversamente abili, proclamata dall’Onu nel 1981 per promuoverne i diritti, il benessere e la piena inclusione nel mondo. Il motto di questa giornata è “Nessuno venga lasciato indietro” e sottende la necessità di garantire a tutti un’effettiva partecipazione alla vita politica, economica e culturale della società

L’uguaglianza formale che teoricamente appartiene a chiunque, infatti, spesso non trova attuazione quando si parla di persone diversamente abili e questo accade per mancanza di strutture adeguate e programmi funzionali a una loro effettiva integrazione all’interno della società. Un altro problema è la persistenza di una mentalità che ancora non crede davvero nelle potenzialità delle persone diversamente abili, considerate da molti come un’appendice problematica del corpo sociale e mai come una preziosa risorsa.

Dal diritto all’istruzione alla difficoltà di fruire di servizi essenziali, dal limitato accesso alla tecnologia alle barriere architettoniche, dallo stigma ai luoghi comuni, passando per l’incapacità di vedere nella diversità una potenziale ricchezza, molti sono gli ostacoli che in questi decenni hanno reso l’uguaglianza degli esseri umani una vuota ambizione e non un dato di fatto.

Photo by SOZIALHELDEN

Per coniugare lettera e spirito della legge, dunque, bisogna innanzitutto staccarsi da un approccio pietistico o teso a circoscrivere le persone diversamente abili all’interno di un nucleo chiuso di “simili”. Siamo tutti uguali e diversi, all’interno della società, i ghetti non giovano a nessuno, nemmeno quando sono lastricati di buone intenzioni, e l’unica strada percorribile per garantire a tutti pari diritti è quella dell’inclusione, la forma più alta di convivenza umana e civile.

Il 3 dicembre, dunque, le associazioni che operano nel settore saranno più attive che mai nel dare vita a eventi legati alla promozione della dignità, dei diritti e del benessere di ogni essere umano e a Berlino non poteva mancare il contributo di Artemisia, importantissima rete di sostegno per nuclei familiari italiani che includono persone diversamente abili.

In occasione della Giornata internazionale delle persone diversamente abili, si terrà infatti a Berlino un bellissimo evento totalmente gratuito e aperto a tutti, pieno di attività come musica, cucina, teatro, improvvisazione arteterapia. Sarà inoltre incoraggiato uno scambio di idee sul valore dell’inclusione.

L’iniziativa, di cui potete leggere il programma dettagliato e le modalità di partecipazione nell’evento Facebook ufficiale, è organizzata da Artemisia insieme ad AWO Begegnungszentrum, EMERGENCY Deutschland, il Bezirksamt di Friedrichshain-Kreuzberg, MiNA e.V, Rete Donne Berlino, ANPI Berlino e Il Mitte.

Già qualche anno al fianco di Artemisia, il nostro magazine è felice di ribadire il suo supporto a quelli che sono gli obiettivi e i valori dell’associazione e invitiamo dunque i lettori a un appuntamento che sarà divertente, importante e soprattutto inclusivo.

(di Lucia Conti)

Può interessarvi anche: Assistenza alle persone con disabilità in Germania: la guida è scaricabile sul sito del Comites

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here