Sul suo pavimento hanno camminato, negli anni, star del calibro di Mick Jagger, MadonnaMarilyn Manson. Ma anche Pink e Lemmy dei Motorhead. Il White Trash Fast Food, col tempo, ha saputo ritagliarsi un posto importante nell’elite dei club berlinesi: affascinante, con quello stile volutamente kitsch e colorato; amato dagli studenti e, più di recente, anche da moltissimi turisti.

Ora il club, che al suo interno ospita anche uno studio di tatuaggi, un ristorante, un dance floor ed un palco dove si alternano band internazionali e spettacoli di burlesque, ha deciso di abbandonare la sua storica sede di  Schönhauser Allee 6-7. Una notizia che potrebbe causare scompensi cardiaci ai molti aficionados che ne assiepano i tavolini ogni sera.

Il club ha aperto i battenti nel 2000, da un’idea di Walter Potts, per tutti “Welly”. Ora non morirà, ma potrebbe cambiare pelle definitivamente. Qualche screzio con il vicinato e con il proprietario dello stabile hanno convinto Potts a cambiare aria e dire “basta” alla “hipster” Prenzlauer Berg, che per anni ha fatto la fortuna del locale.

Una nuova sede è già stata trovata, tra Kreuzberg e Treptow, ha rivelato Potts a BZ. Un vecchio magazzino di 86 metri di lunghezza e 35 di larghezza, grande quasi quanto un campo da calcio. La posizione è strategica: non distante da Schlesisches Tor, a pochi passi dal Club der Visionäre e dall’Arena Berlin, in una delle aree più frequentate da giovani (soprattutto d’estate). L’apertura avverrà all’inizio del 2014.

Leggi anche:

Bar 25, la leggenda della “vecchia Berlino” ha di nuovo un futuro
Contrordine: ora lo Yaam potrebbe essere salvato

 

1 commento

Comments are closed.