La città chiede aiuto ai cittadini per restaurare la torretta dell’orologio di Ostend

0
24
Foto © Torben / Wikimedia Commons / CC BY-SA 3.0 / remixed by Il Mitte
Foto © Torben / Wikimedia Commons / CC BY-SA 3.0 / remixed by Il Mitte
Foto © Torben / Wikimedia Commons / CC BY-SA 3.0 / remixed by Il Mitte

FrancoforteFrancoforte – Non tutti la conoscono, ma la “torretta” dell’orologio  (Uhrtürmchen) all’incrocio tra la Friedberger Anlage e Sandweg è uno dei piccoli gioielli storici di Francoforte.  Segna l’ora dal lontano 1894, ma adesso rischia di crollare su se stessa sotto il peso degli anni.

La città ha già escluso la possibilità di finanziare da sola il restauro e così l’assessore alla cultura Felix Semmelroth ha deciso di lanciare una raccolta fondi tra i cittadini per salvare questo “pezzo di storia di Francoforte”. Al momento sono sessantamila gli euro disponibili, di cui venticinquemila messi dal Kulturamt e il resto da parte delle istituzioni di quartiere. Ne mancherebbero però ben novantamila per raggiungere la somma necessaria di centocinqutamila euro.

Il restauro richiede un lavoro abbastanza impegnativo, per questo i costi sono così elevati. Da un lato la colpa è dei danni che sarebbero strutturali (la torre rischierebbe di cadere da un momento all’altro per problemi di stabilità causati dalla consunzione interna) e dall’altro la torretta, alta circa nove metri, dovrebbe venire completamente smontata per essere ricostruita in un laboratorio e poi ri-eretta.

Il problema è che la città si è data come obiettivo di risparmiare 9,2 milioni di euro quest’anno, un obiettivo che probabilmente già ora non verrà raggiunto. Il risultato: tagli e pochi finanziamenti rispetto a quanto si era abituati. La soluzione dovrebbe essere quindi la partecipazione attiva dei cittadini al finanziamento, cioè: donazioni spontanee.

Se volete fare una donazione, potete intestarla a: Kultur Stadt Frankfurt am Main, Konto Nr. 2609, BLZ 500 100 60, Postbank Frankfurt, Verwendungszweck: Uhrtürmchen 54289000, 0410/A9, 410031.

 

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte Francoforte su Facebook!