Plus Hostels website
Natale e Capodanno a Berlino
Photo by Rolf Dietrich Brecher

di Alessia del Vigo

La prossima settimana iniziano ufficialmente le vacanze di Natale nei vari Bundesländer tedeschi (con alcune variazioni dal 19/22.12 al 04/05.01) e una città come Berlino, meta turistica sempre più battuta, cosa offre?

Ogni anno a fine novembre, in coincidenza con l’inizio dell’Avvento, aprono i famosissimi mercatini di Natale. Sparsi per la città se ne trovano davvero tanti, anche se, a onor del vero, quelli che coprono le zone più centrali sono spesso molto commerciali e poco tipici. Tra i più famosi e consigliati si possono citare il mercato a Gendarmenmarkt, aperto fino a fine dicembre, quello di Dahlem, decisamente più lontano dal centro, ma molto caratteristico e il mercatino nel borgo boemo di Rixdorf, che si tiene solo il secondo fine settimana di dicembre.

Chi popola Berlino, sotto le feste di Natale? Molti turisti scelgono la capitale tedesca per trascorrere le feste ala scoperta di musei (Berlino ne offre più di centosettanta) e mercatini, appunto, bevendo un Glühwein e assaggiando specialità natalizie come il Christenstollen.
Molti berlinesi, invece colgono l’occasione per visitare familiari che abitano in altri Bundesländer, oppure per scoprire qualche altra meta europea.
Il risultato? Il quartiere di Mitte e i mercatini più vicini alle zone più turistiche e commerciali rimangono abbastanza affollati, un po’ come negli altri periodi dell’anno, mentre altre arterie si svuotano un po’, donando ai locali quella leggerezza che tanto ci si augura sotto le feste.

E a Capodanno? Mio nonno ancora mi chiede se vado sotto la porta di Brandeburgo: in effetti stiamo parlando dell’evento più noto della capitale tedesca, durante il quale fino a due milioni di persone si radunano per festeggiare il nuovo anno. Per chi avesse intenzione di partecipare si consiglia di muoversi per tempo, al più tardi intorno alle dieci di sera, e di controllare i siti della BVG e le limitazioni al traffico che interesseranno la zona, proprio in virtù della festa, con annesso palco della musica e fuochi d’artificio.
Quello che non tutti i turisti sanno, però, è che Berlino, nei giorni che precedono l’inizio del nuovo anno, si trasforma in una grande bolla di fuochi d’artificio e che proprio la notte del 31 avventurarsi in giro e stare all’aperto può rivelarsi più pericoloso e meno ameno del previsto. Che cosa va per la maggiore dunque? Una cena o festa in casa o a casa di amici, guardare i fuochi d’artificio dal terrazzo, se si ha la fortuna di averlo, oppure scendere in strada per brindare al nuovo anno e lanciarsi nella bufera giusto per una mezz’ora e poi tornare a snacks, dolci, prosecco e giochi di società oppure andare in qualche club, inaugurando il nuovo anno con qualche passo di danza.