L’uomo che incarna la montagna, arriva “Messner, il film”

1
29

di Silvia Fabbi

«Spesso noi scalatori veniamo descritti come degli eroi.  Invece andiamo nella natura selvaggia proprio per riscoprire la nostra fragilità». Il re degli Ottomila è il protagonista di «Messner- Der film» del regista tedesco Andreas Nickel, in uscita a fine mese nelle sale di Germania, Austria e Sudtirolo (il film per il momento è solo in lingua tedesca).  La première sarà il 24 settembre a Bolzano, il 25 a Monaco e il 26 a Vienna, mentre sono già in lavorazione le versioni in italiano e inglese.

Dall’infanzia in Val di Funes alla scoperta della montagna, alla tragica perdita del fratello Günther durante l’ascesa del Nanga Parbat nel 1970 fino alle esperienze della maturità: il film — prodotto dalla casa germanica ExplorerMedia in coproduzione con la televisione regionale bavarese (Bayerischer Rundfunk), l’emittente franco-tedesca Arte, WA Filmproduktion, con la collaborazione del Bls, della Provincia autonoma di Bolzano e della Rai Sender Bozen — si propone di svelare «la persona, la sua storia, i suoi impulsi.  Di Messner (che il regista conosce personalmente da più di dieci anni) si crede di conoscere praticamente tutto, ma della persona non si sa nulla. È questo che io voglio raccontare».

L’idea del film, che si serve anche di materiale originale d’archivio e di fotografie d’epoca, nasce un paio d’anni fa e si propone di essere — secondo la definizione del regista stesso — uno «psicogramma, vale a dire un tracciato psicologico e psicografico».  Inizialmente per il ruolo di Reinhold e Günther vengono scelti due fratelli francesi. È di Messner stesso la controproposta: per rendere il tutto più autentico i protagonisti dovrebbero essere i bolzanini Florian, 30 anni, e Martin Riegler, 32 anni, rispettivamente il maggiore (Florian è più alto e in video è più adatto per un ruolo da adulto, n.d.r.) e il minore dei fratelli della Val di Funes.

Leggi tutto l’articolo di Silvia Fabbi su A Nord Est di Che

1 COMMENT

  1. Basta che non facciano delle ricostruzione cinematografiche ridicole come in “Nanga Parbat”. Nel quale i due fratelli Messner vanno a 8000mt con due giachettine di tela con al di sotto un maglionicino di lana…

Comments are closed.