AperturaAttualitàCronacaCronaca: Berlino

Auto in fuga dalla polizia si schianta contro il Memoriale dell’Olocausto

Nelle prime ore del mattino di martedì, nel centralissimo quartiere berlinese di Mitte, si è verificato un incidente stradale, che ha causato danni al celebre Memoriale dell’Olocausto – uno dei monumenti più noti della capitale tedesca, situato vicino alla Porta di Brandeburgo. Un’auto, che era inseguita dalla polizia, è uscita di strada e si è schiantata contro uno dei blocchi più bassi del Memoriale, danneggiandolo.

L’inseguimento è iniziato dopo un controllo stradale

Secondo la polizia, si trattava di un veicolo con targa falsa, all’interno del quale viaggiavano diverse persone. L’inseguimento è iniziato quando gli agenti di polizia hanno cercato di fermare l’auto per un controllo, che il conducente e altri due passeggeri hanno cercato di eludere. Ciò che si sa fino a questo momento è che l’auto è poi uscita di strada e si è schiantata contro il Memoriale, ma la dinamica esatta dell’incidente non è ancora stata chiarita.


Leggi anche:
Germania: disordini nei cinema durante le proiezioni di Creed III. Il fenomeno si diffonde su TikTok

I sospetti hanno cercato di fuggire a piedi dopo l’impatto, ma sono stati arrestati dagli agenti sul posto. Uno dei passeggeri del veicolo ha riportato lievi ferite ed è stato medicato in ospedale.

Sono iniziati i lavori di pulizia e ristrutturazione del blocco del Memoriale danneggiato

Il Il Memoriale per gli ebrei assassinati d’Europa è un monumento di importanza storica mondiale, che commemora le vittime dell’Olocausto. Il monumento è stato inaugurato nel 2005 ed è composto da 2.711 blocchi di cemento disposti su un’area di 19.000 metri quadrati. Il monumento è stato progettato dall’architetto americano Peter Eisenman e dall’ingegnere Buro Happold, per commemorare le vittime della Shoah.

Dopo l’incidente, sono stati avviati lavori di pulizia presso il monumento per riparare i danni causati dall’auto.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio