Hurrikan photo

Ciclone Ivan o Miguel?

È stata la Freie Universität di Berlino a dargli il nome: ciclone Ivan, terribile come il personaggio storico a cui si ispira, anche se il Met Office britannico lo ha battezzato Miguel.

Quale che sia il suo nome, il ciclone arrivato dall’Atlantico ha danneggiato fortemente sia Francia che Inghilterra, causando un bilancio di almeno tre vittime.
Si è poi spostato sul Mare del Nord, colpendo Belgio e Paesi Bassi, ma soprattutto la Germania, in cui sta creando non pochi problemi.
Particolarmente colpita è la Sassonia, investita da venti assolutamente anomali, la cui velocità è arrivata a toccare i 202 km/h, sulle colline, e i 170 km/h, sulle pianure tra Brema e Amburgo.

Cosa aspettarsi nelle prossime ore

Il ciclone continuerà a stazionare sul Mare del Nord, colpendo anche la Germania settentrionale, proprio a partire da oggi.
Le perturbazioni che ci si deve aspettare sono rovesci temporaleschi, anche di ingente entità, e soprattutto la possibilità che si verifichino grandinate e fortissime raffiche di vento.

E in Italia?

Già da lunedì 10 giugno, il ciclone causerà un abbassamento delle temperature e rovesci con possibili grandinate sia al Nordovest che in Piemonte e Lombardia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here