[© IngolfBLN / Flickr / CC BY-SA 2.0]
IngolfBLN on Flickr / CC BY-SA 2.0]

I lavori per il prolungamento della linea U5 procedono secondo la tabella di marcia, come dimostra la riapertura della U6 avvenuta domenica scorsa, nel pieno rispetto delle previsioni iniziali.

Non si può dire lo stesso dei costi del grande cantiere che attraverserà il centro di Berlino fino al 2019. Secondo la direttrice di BVG Sigrid Nikutta, infatti, il preventivo iniziale ha avuto un leggero rincaro rispetto alle aspettative: 92 milioni di euro.

È stata una Kostenexplosion, scrive senza mezzi termini il Berliner Morgenpost. Con tutta probabilità si passerà dai 433 milioni stanziati inizialmente a circa 525, con la possibilità concreta di spendere cifre anche maggiori.

Ad innalzare i costi, spiega Nikutta, sono state le nuove norme di sicurezza introdotte a livello federale nel 2009, dopo il crollo del Palazzo dell’Archivio di Colonia. A quel tempo, i finanziamenti per la costruzione della nuova metropolitana erano già stati stanziati.

Il prolungamento della U5 collegherà Alexanderplatz alla Porta di Brandeburgo attraverso la costruzione di tre nuove stazioni – Berliner Rathaus, Museumsinsel, Unter den Linden – e si congiungerà all’esistente linea U55, creando una linea di collegamento diretta fino a Hauptbahnhof.

Leggi anche:

© Andre_de / Wikimedia Commons / CC BY-SA 3.0
Berlino, ecco come U-Bahn e S-Bahn si svilupperanno in futuro