eintracht frankfurt
Foto © Iphone-Soccer allpaper / Flickr / CC BY-2.0

Francoforte – Finalmente ci siamo riusciti. Commenteremo una vittoria dell’Eintracht. Da quando scrivevamo il Bar dello sport le aquile francofortesi avevano incassato solo sonore sconfitte. Per un attimo ci abbiamo pensato: “portiamo sfiga”. Ma ecco, quando ormai eravamo certi degli effetti nefasti della nostra rubrica, l’Eintracht centra una fondamentale vittoria esterna ai danni del fortissimo Borussia Mönchengladbach, che attualmente occupa la terza posizione in classifica.

L’inizio dei francofortesi non è dei migliori. I primi minuti di gioco sono un autentico assedio da parte del Gladbach, con la difesa dell’Eintracht completamente in bambola. Al 5 minuto, il Borussia è già in vantaggio: azione insistita, tiro velleitario di Nordveit e palla che incoccia il terzino rossonero Oczipka; la deviazione spiazza il portiere francofortese Wiedwald, che non può far altro che raccogliere la sfera dalla rete. L’inizio lascia presagire l’ennesima dolorosa sconfitta. Inaspettatamente l’Eintracht reagisce e inizia a carburare. Intorno alla mezz’ora va vicinissimo al pareggio con una punizione di capitan Maier prodigiosamente deviata dal portiere avversario Sommer, con un guizzo felino; sugli sviluppi della ribattuta palla in mezzo e francofortesi a tu per tu con il portiere…ma niente: né Meier né Bamba Anderson riescono a buttarla dentro. Prima della fine del primo tempo, altre due nitide occasioni per il Gladbach ma il risultato resta fermo sull’1-0.

L’inizio della ripresa sembra promettere bene, Eintracht all’arrembaggio ma la porta difesa da Sommer sembra stregata. Prima Seforovic poi il fantasista giapponese Inui vedono i loro tentativi infrangersi contro il portiere svizzero del Gladbach. I francofortesi sembrano davvero frustrati dall’incapacità di segnare. All’improvviso la perla che cambia il destino dell’incontro. Minuto 54 Seferovic allarga sul vertice sinistro dell’area di rigore avversaria. Il talentino dicianovenne Stendera riceve la palla, la sistema con cura e rapidità sul destro e tiro a incrociare sul palo opposto che rimbalza poco prima di entrare beffando l’intrepido Sommer: 1:1 e palla al centro!

Il Gladbach cerca subito di rovesciare a proprio vantaggio il risultato. Minuto 57: i calciatori del Borussia perdono palla a centrocampo, velocissimo rovesciamento di fronte, destro di Aigner dal limite: questa volta Sommer sbaglia malamente la presa e palla che scivola sull´accorrente Maier che a porta vuota insacca. Eintracht in vantaggio! In soli tre minuti le aquile francofortesi sferrano un tremendo 1-2. Il Borussia tenta di reagire ma si tratta di tentativi disordinati. Al minuto 71 l’Eintracht chiude i conti: Sommer batte una rimessa dal fondo sbadatamente finendo col mettere in difficoltà la propria difesa che perde palla al limite; la sfera giunge sui piede di Inui che dai 25 metri non si fa pregare e piazza il colpo del ko. Gladbach 1 – Eintracht 3. I francofortesi si difendono con ordine e portano a casa tre punti d´oro per il morale e la classifica. La zona retrocessione è ancora troppo vicina, ma la rabbia e la determinazione messe in campo in questo turno di Bundesliga lasciano ben sperare.

Brutta prestazione per l’altra squadra di Francoforte. L’FSV era chiamato a confermare l’ottimo momento di forma e invece ha subito un pesantissimo 0-3 interno contro il Braunschweig. Si interrompe cosi la striscia di risultati utili consecutivi.

Ruggiero Gorgoglione