Foto ©  Sara Prestianni / noborder network/ Wikimedia Commons / CC BY-SA 2.0 / remixed by Il Mitte
Foto © Sara Prestianni-noborder network/ Wikimedia Commons / CC BY-SA 2.0

FrancoforteFrancoforte – Il problema dei rifugiati e delle condizioni in cui spesso i migranti arrivano in Europa attraverso il mediterraneo e gli stati meridionali, come l’Italia, è diventato recentemente oggetto di dibattito politico anche su giornali e media nazionali. Il fatto scatenante è stata la tragedia di Lampedusa di inizio ottobre, quando nell’affondamento di un barcone persero la vita centinaia di persone.

La Germania, per una mera questione geografica, non essendo direttamente esposta ai flussi migratori tende a ignorare il problema. Tuttavia,

dopo ottobre, l’arrivo di diversi gruppi di migranti dall’Italia in alcune grandi città come Amburgo e Berlino, e riconosciuti come i “rifugiati di Lampedusa”, il tema del crescente numero di richiedenti asilo si è conquistato le cronache. Una soluzione però non è stata ancora trovata.

Un gruppo di ventidue persone è giunto anche qui a Francoforte e per ora sta alloggiato in una chiesa del Gutleutviertel dove attende di sapere quale sarà il suo destino.

È in questo contesto che domani, giovedì 12 dicembre, si svolgerà sia ad Amburgo che a Francoforte, una manifestazione di solidarietà per chiedere il riconoscimento del diritto di asilo e di lavoro a queste persone. Nella mattinata verrà fatto volantinaggio davanti alle scuole cittadine e, insieme con gli studenti, nel pomeriggio il corteo partirà alle ore 17 dal Campus Bockenheim.

A Francoforte la protesta avrà anche una valenza simbolica aggiunta poiché il rimpatrio dei rifugiati non accettati, in genere, passa proprio dall’aeroporto della città. Da qui, ogni anno, circa tremila persone vengono rispedite coattamente nel loro paese d’origine.

Inoltre, proprio sabato, alle ore 18, l’associazione “Wir für 22” che da sostegno ai migranti del Gutleutviertel organizza un’evento di beneficienza e solidarietà nella Cantate Domino saal, in Ernst-Kahn strasse 20, in cui gli aspiranti rifugiati presenteranno testi, canzoni e poesie mentre con l’aiuto degli attivisti verrà distribuito materiale informativo e discussa la situazione e le sue prospettive di risoluzione.

[ale.gra]

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte Francoforte su Facebook!