underground europe photo

Gli appassionati di vinile e di musica indipendente di tutta Europa si stanno già preparando per Underground Europe, la fiera in cui vendita e baratto saranno il fulcro dell’intera iniziativa.
Il ritorno al vinile è stato, negli ultimi anni, una costante in crescita, alimentata dal fetish di moltissimi appassionati e dalla trasformazione del vinile in vero e proprio oggetto di culto.

Sull’onda di questa filosofia, Underground Europe non si limiterà a proporre uno spazio fatto di statici stand, con negozianti ancorati ai loro banchi e clienti impazienti di correre a casa ad ascoltare i dischi appena comprati. La possibilità di barattare i propri vinili con quelli degli altri acquirenti o anche dei negozianti, infatti, renderà le interazioni con gli altri estimatori un’esperienza dinamica e piacevole. Tra una birra al bar e la degustazione di pietanze vegan offerte da due catering berlinesi rigorosamente DIY, si potranno inoltre ascoltare una serie di band internazionali che si esibiranno dal vivo, tra un dj-set e l’altro.

vinilePer motivi di spazio, la fiera si terrà quest’anno nel locale Cassiopeia e offrirà due piani e tre sale piene di vinili.
Tutta l’Europa centrale ha finora segnalato la sua adesione, con etichette, mailorder, negozi di dischi e venditori privati, mentre i generi spaziano dall’elettronica alla post-wave, dal punk e Hc all’indie-rock, dall’industrial allo ska, senza dimenticare trash metal, stoner rock, grind, alternative, psichedelia, emo, garage, sperimentale e molto altro.

La fiera avrà inizio sabato 15 settembre alle ore 11.00 e terminerà alle ore 20.00.