di Zuleika Munizza/Berlino Explorer

IBUg Festival d’Arte Urbana a Chemnitz.

Anche quest’estate più di 100 artisti nazionali e internazionali sono già all’opera per il famoso festival d’arte urbana.

In una fabbrica di macchine tessili abbandonata NAPLAFA a Chemnitz, memoria della cultura industriale sassone, gli artisti si divertono a reinterpretare il luogo, con una vera e propria invasione di murales, poster, sculture e chi più ne ha più ne metta.

L’acronimo IBUg sta per Industriebrachenumgestaltung, ovvero trasformare ex edifici industriali attraverso l’arte. L’idea nasce nel 2006, e va di pari passo con la ricerca dell’artista Tasso, nato a Meerane, che è proprio la location della prima edizione del festival.

Da allora la convention richiama sempre più interesse e giunta alla sua tredicesima edizione porta una ventata di colore in un’area desolata della Sassonia.

Due fine settimana aperti al pubblico, dal 24 al 26 agosto e dal 31 agosto al 2 Settembre. Tra installazioni, performance e multimedia, si aggiunge un programma di visite guidate, film, artist-talk, e naturalmente feste.

Tanti i nomi noti della streetart internazionale, tra gli invitati anche i berlinesi Various & Gould.

Sapreste indovinare che statua si trova nella piazza principale di una città, Chemnitz, che dal ’52 all ’89 si chiamava Karl-Marx-Stadt? Motivo in più per fare un giro in Sassonia.

La foto @M. Contini, è della passata edizione nella fabbrica macchine speciali SPEMAFA.

Ricerche a cura di: Z. Munizza, responsabile del progetto Berlino Explorer che organizza esplorazioni urbane e visite guidate, propone tra gli vari itinerari Street ArTour.

Per Info: [email protected] Pagina Facebook