AperturaArte e CulturaBerlin Street Art Walk

Berlin Street Art Walk#12: I catastrofici scenari di Plotbot Ken

Di Zuleika Munizza

Non è semplice trovare i lavori di Plotbot Ken per le strade di Berlino, rispetto alle prime opere in angoli comunque nascosti della città, da tempo l’artista predilige luoghi abbandonati e dimenticati dal tempo.

I soggetti nascono in uno scenario da film catastrofico, una sorta di visione apocalittica perfettamente inserita nel contesto di vecchi e decadenti siti industriali. Bunker, centrali elettriche e fabbriche chimiche, fanno da sfondo a stencil multistrato, che attraverso il contrasto tra i colori scuri e fluorescenti, sottolineano le sostanze innaturali e chimiche che si possono trovare in questi luoghi. Maschere antigas e scafandri coprono i volti di creature surreali da fantascienza futurista, completamente in linea con il contesto.

Plotbot Ken
Foto di Zuleika Munizza

Una vasta produzione quella di Plotbot Ken, nota soprattutto a chi pratica esplorazione urbana in siti abbandonati, le tracce lasciate dall’artista decorano vecchi pareti, silos o porte in ferro dove vernice spray e ruggine si fondono, creando un unicum.

Nell’ex quartiere operaio di Wedding, sul retro di un vecchio cortile produttivo,  uno degli angoli ancora autentici della Berlino dei primi del ‘900, è possibile scovare diverse opere di street art, tra queste un paio dei primi stencil di Ken. Il gruppo di cortili nella Berlino Ovest dove si è toccata l’utopia del vivere artistico con il progetto LebensHaus, dove però il cambiamento è in atto. Lo spazio ora condiviso da realtà indipendenti di prima generazione e nuovi locali dal tipico stile berlinese, rispecchia una trasformazione più lenta rispetto ad altri quartieri ma pur sempre percepibile.


Leggi anche:
Berlin Street Art Walk#10: Alla ricerca di Linda

 


La vicinanza al centro artistico Stattbad, progetto purtroppo concluso, incubatore che per diversi anni rappresenta un riferimento per la scena dell’arte urbana, porta vitalità anche nel complesso di edifici decadenti che nasconde ancora il fascino di una città che nei primi anni ’90 ha saputo reinventarsi attraverso l’arte.

È in quest’angolo di Wedding che gli street artist trovano, o hanno trovato è il caso di dire, i “muri” adatti per esprimersi.

Ricerche a cura di: Z.Munizza, responsabile del progetto Berlino Explorer che organizza esplorazioni urbane e visite guidate, propone tra gli vari itinerari Street ArTour.

Per Info:

Mail

Facebook

sito ufficiale

 

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio