Da “Bella addormentata”, salutato a Venezia da oltre dieci minuti di applausi, fino a “Vincere”, che nel 2010 ottenne la bellezza di otto David di Donatello. Si aprirà il prossimo 5 ottobre la retrospettiva che il Kino Arsenal – in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura – ha deciso di dedicare alla carriera di Marco Bellocchio, uno dei più grandi e conosciuti registi italiani.

Una fama arrivata fino al cinema di di Potsdamer Straße 2, che ha deciso di creare una rassegna dedicata interamente alle opere del regista di Bobbio. A cominciare venerdì 5 ottobre proprio da “Bella Addormentata”, presentato al recente Festival di Venezia e definito da Le Monde come “un film di rara precisione, che conferma la statura del cineasta, uno tra i più lungimiranti osservatori delle convulsioni d’oltralpe”.

Per proseguire il 6 ottobre con “I pugni in tasca”, la sua prima opera, datata 1965. Due appuntamenti cui sarà presente in sala anche lo stesso Bellocchio. Il regista, considerato da molti come il grande “ribelle” del cinema italiano, per via dei suoi film anticonformisti e irriverenti, avrà l’opportunità di ripercorrere i passaggi salienti della propria inimitabile carriera.

Il cartellone ospita tutte le migliori opere di Bellocchio: da “Sbatti il mostro in prima pagina” (1972) a “Gli occhi, la bocca” (1982), da “Il sogno della farfalla” (1994) a “Sorelle mai” (2010), da “L’ora di religione” (2002) a “Il regista di matrimoni” (2006). Tutti i film saranno proiettati in lingua italiana e sottotitoli, a seconda del giorno, in inglese ed in tedesco.

1 commento

  1. sarei interessata! come funziona esattamente? occorre prenotare per vedere i film, c’è un’entrata da pagare? grazie, laura

Comments are closed.