Manifestazione per salvare il futuro del Campus Bockenheim

20 February 2014

Share Button

1912026_499833946787368_1593679009_nBannerino_FrancoforteFrancoforte – Oggi, giovedì 20 febbraio, si terrà una manifestazione per denunciare la politica cittadina di riutilizzo del fu Campus Bockenheim.

Secondo gli organizzatori – diverse associazioni attive proprio a Bockenheim: Projektphilosophicum, Wem gehört die Stadt?, Initiative zukunft bockenheim, Asta, förderverein Roma e.v., Offenes Haus der Kulturen –  quello che doveva essere il Kultur Campus di Bockenheim sembra sempre più ridotto a area per l’edificazione di appartamenti non esattamente economici.

L’originale progetto per la costruzione di edilizia popolare e spazi culturali è sempre più minacciato dagli interessi privati o dall’interesse della stessa ABG Holding – la “municipalizzata” che si occupa delle proprietà del comune – a lottizzare l’area massimizzando il profitto, piuttosto che puntando su fini sociali e culturali.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è il futuro incerto del Philosophicum, uno dei palazzi del campus. Projektphilosophicum aveva proposto una ristrutturazione che puntasse su appartamenti a basso costo e spazi sociali, ma appena qualche giorno fa la ABG ha annunciato la presenza di due investitori privati che mettono sul piatto abbastanza soldi da rendere secondaria la realizzazione del primo progetto. Si è sollevato ovviamente un polverone e gli abitanti del quartiere cercano di fare pressione sull’amministrazione  – sempre più al centro delle critiche per una politica abitativa inefficace – affinchè scongiuri la gentrificazione del quartiere.

La manifestazione partirà alle ore 17 da Bockenheimer Warte e durante il percorso verranno illustrati i diversi progetti di riqualificazione del Campus. Dal Philosophicum al Labsaal alla torre di uffici che sorgerà al posto della AfE-Turm.

Alle 19, a conclusione della manifestazione, nella Studi-Haus si svolgerà un’iniziativa di informazione dell’ Ortbeirats e dello Stadtplanungsamts.

[ale.gra]

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte Francoforte su Facebook!

Share Button