longdistanceart3

A meno che non ci lasci indifferenti, contemplando un’opera d’arte ammiriamo la mano dell’uomo che sta dietro a tanto lavoro. Ma cosa succede se ciò che stiamo osservando altro non è che il prodotto di un robot? Apprezzeremmo allora l’ingegno di chi ha realizzato la macchina e l’abilità di chi la mette in funzione.

Strana circostanza quella di ieri per chi si trovava a Berlino in Breitscheidplatz e a Londra in Trafalgar Square. In questi due spazi sono state installate le macchine, rispettivamente arancione e rossa, capaci di riprodurre ciò che l’artista Alex Kiessling stava disegnando nell’Ovalhalle del Museumquartier a Vienna.

Long distance Art è stato infatti il nome del particolarissimo evento che ha messo a confronto gli essere umani e la tecnologia.

longdistanceart

Il sistema raffinatissimo dei due robot consente loro di disegnare la stessa cosa che l’uomo crea su carta, in diretta e a chilometri di distanza. Nell’esatto istante in cui la sua penna tocca il foglio, i sensori lo rilevano e trasmettono l’impulso via satellite al robot che copierà il movimento identico altrove. A ogni tocco, ne corrisponde uno “artificiale”.

Il lavoro della macchina, 4 quintali di ingegneria, utilizzabile nell’industria automobilistica e in quella alimentare, è di gran lunga più preciso di quello manuale. La sua kriptonite è il flash fotografico, che può indurla a malfunzionamenti.

Per 500 ore i tecnici hanno lavorato al progetto, 150 persone sono state coinvolte. Soddisfatto il programmatore, Gregor Hofbauer: «La trasmissione dei dati ha funzionato a dovere»

Nel corso di due ore, Kiessling ha così disegnato in tre luoghi diversi una serie di ritratti che poi combinerà in un’unico quadro all’avanguardia.

longdistanceart2

«I disegni fatti dal robot sono sempre una parte di quello originale creato da me», ha detto il pittore. «Si completano e in tal modo ottengono un’altra funzione». Ancora: «Mi sembrava di lavorare per creare più che una copia, un “clone”».

Meraviglioso il risultato, incredibile l’efficienza della tecnica: l’immagine emerge come dal nulla, è fenomenale. Potete vederlo nel video che il “Daily Mail” ha pubblicato online ieri.

Così fra le tre città nasceva un gemellaggio artistico del tutto inedito. «Vienna ha una vivace e creativa scena culturale», ha detto Norbert Kettner, direttore del Turismo. Anche se, purtroppo, l’anteprima mondiale non è stata pubblicizzata abbastanza e c’erano pochi visitatori.

(e.bar)