Apertura

Poliziotto ruba carico di formaggio: licenziato

Potrebbe essere una puntata di un vecchio cartone di Tom & Jerry, se non fosse un caso assolutamente serio, che si è verificato nel Land tedesco della Renania-Palatinato. Un agente di polizia è stato recentemente destituito dal proprio incarico a seguito di un episodio alquanto insolito, che il tribunale ha considerato grave: il furto di circa 180 chili di formaggio cheddar. Questo insolito caso di appropriazione indebita è avvenuto in seguito a un incidente stradale che, cinque anni fa, aveva coinvolto un mezzo da trasporto commerciale refrigerato. Il veicolo, che trasportava il formaggio, era stato vittima di un sinistro, si era ribaltato e aveva perso il carico.

Dall’incidente al furto

L’agente, convocato per rimettere in sicurezza la situazione, si sarebbe fatto consegnare le confezioni ancora integre e le avrebbe portate nel proprio ufficio. Per appropriarsene, approfittando della propria posizione di autorità, avrebbe indotto in errore il dipendente addetto al recupero del carico. Quest’ultimo, fidandosi dell’agente che si trovava in servizio e in divisa, gli aveva affidato i quasi due quintali di formaggio credendo di agire correttamente. Se fosse arrivato alla vendita, il cheddar “rubato” avrebbe avuto un valore di circa 554 Euro.

Il poliziotto voleva evitare che il formaggio “andasse sprecato”

Secondo quanto dichiarato dall’ex agente di polizia in tribunale, nel processo che si è appena concluso, il motivo del suo comportamento non era appropriarsi del formaggio e neppure mangiarlo, ma semplicemente evitare lo spreco del prodotto alimentare. Il carico caduto dal furgone, spiega, non aveva di fatto alcun valore e non era vendibile, poiché era stata interrotta la catena del freddo. Il suo unico scopo, quindi, era impedire uno spreco alimentare ingente.

Tuttavia, il tribunale non ha accettato questa giustificazione, ritenendo il comportamento dell’uomo una violazione inammissibile dei doveri di un ufficiale di polizia. La corte ha quindi dichiarato l’agente colpevole, sottolineando la serietà del reato commesso e il fatto che la corte non possa avere “alcuna comprensione” per il colpevole.

Il tribunale ha evidenziato che l’agente, anziché sottrarre il formaggio, avrebbe dovuto comportarsi in maniera diametralmente opposta, assicurandosi che il carico rimanesse protetto e non accessibile a soggetti non autorizzati. Con il suo comportamento, ha concluso il giudice, l’ex agente ha ”danneggiato notevolmente” la reputazione delle forze di polizia del Land.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Pulsante per tornare all'inizio