Ritornano i workshop di PhoTO-BErlin: protagonista Stefano De Luigi

4 March 2013

Share Button
© Stefano De Luigi

© Stefano De Luigi

Torna il terzo appuntamento con PhoTO-Berlin, il workshop fotografico ideato da Linda Ferrari di cui vi avevamo già parlato qui e che vuole replicare il successo dei primi due appuntamenti, tenuti dalla maestra del reportage Monika Bulaj e dal reporter inglese Jocelyn Bain Hogg.

Protagonista dei quattro giorni sarà il grande fotografo Stefano De Luigi, che ha iniziato la sua carriera da professionista nel 1988 e che è stato tre volte vincitore del World Press Photo, in diverse categorie, e di numerosi altri premi tra cui il Moving Walls della fondazione Soros, il Days Japan International Photojournalism Award, il Getty Grant for Editorial Photography ed il POYi Best Photography Book Award vinto con il libro “BLANCO Visions of blindness”. Oltre ai premi, non bisogna dimenticare le innumerevoli mostre, esposte in tutto il mondo, e i lavori pubblicati sui maggiori magazine nazionali ed internazionali.

Questa volta, però, il workshop sarà ancora più completo e variegato, grazie anche ad un evento aperto il 7 marzo (alle 19.45 al The Wye), che vedrà protagonista proprio il libro “BLANCO Visions of blindness”, pubblicato nel 2010 come risultato di un lavoro durato 5 anni, durante i quali De Luigi ha viaggiato per 16 paesi in 4 diversi continenti (Sudamerica, Asia, Africa, Europa) documentando le diverse realtà dei non vedenti nel mondo. Nel 2007, il progetto “Blindness” è stato insignito del prestigioso Eugene Smith Fellowship Grant e il multimedia “Blanco”, accompagnato da estratti del libro “Cecità” del premio Nobel della letteratura José Saramago, ha vinto il secondo premio del World Press Photo Multimedia Contest 2011.

Il workshop vero e proprio, “Cinema Mundi”, durerà 3 giorni, durante i quali i dieci partecipanti e i cinque listeners lavoreranno sul legame tra il cinema e Berlino, ripercorrendo i luoghi che hanno fatto da sfondo ad alcuni celebri film del XX secolo. Nel 2006, infatti, Stefano De Luigi ha intrapreso il progetto “Cinema Mundi”, che racconta il mondo del cinema alternativo a quello commerciale di Hollywood. Realizzate le prime tappe in Cina, Russia, Iran, Argentina, farà seguire le altre in Nigeria, Corea del Sud e India. Trasformato in cortometraggio di 7 minuti, “Cinema Mundi” è stato proiettato al festival del cinema di Locarno nel 2007.

Al termine delle quattro giornate, domenica mattina, dalle 10 alle 12, si terrà “EyeEm Masterclass”, sull’utilizzo dell’iphone per realizzare una progetto complesso come iDyssey, ovvero l’Odissea di Omero ripercorsa con l’iphone nei tempi moderni. Il video, realizzato sempre da Stefano De Luigi, è uscito sul The New Yorker (qui) e pubblicato su Internazionale, Geo France, Newsweek Japan e New Yorker magazine.

PhoTO-Berlin
workshop con Stefano De Luigi
7-10 marzo 2013
http://www.photo-berlin.org

Share Button