di Lorin Decarli – Volontario di EMERGENCY

Inizia un’avventura digitale molto bella per EMERGENCY Deutschland: una collaborazione con questa testata online, per parlare di solidarietà e diritti umani. Scriveremo da queste pagine in una rubrica fissa e ne siamo felici.

EMERGENCY è un’associazione no-profit, un’organizzazione non governativa (ONG) indipendente e neutrale, che costruisce e gestisce ospedali e cliniche all’avanguardia per curare le vittime della guerra e della povertà. È nata in Italia nel 1994 e in questi 25 anni ha curato bene e gratuitamente oltre 10 milioni di persone nel mondo.

Da un po’ di tempo i volontari di EMERGENCY raccontano del lavoro della loro associazione anche fuori dai confini italiani e lì si organizzano in gruppi di sostenitori per raccogliere fondi, trovare medici e infermieri, oltre che per far conoscere i progetti attivi e quel che ivi accade.
Del resto c’è tanto da fare e anche tanto da raccontare.

Dell’attività instancabile dei nostri ospedali in Afghanistan, ad esempio, dove lavoriamo dal 1999. Da alcune settimane è iniziata una nuova campagna elettorale a colpi di stragi di civili, l’ultima a Kabul solo sabato, la diciassettesima nella capitale del paese da gennaio.
Oppure di quel che succede oggi nel Mediterraneo e in Italia, dove nel 2006 abbiamo avviato un programma per garantire assistenza sanitaria di qualità a chiunque ne abbia bisogno, nessuno escluso.

Ma anche nuovi importanti progetti, come a Entebbe (Uganda) dove è ormai pronto un nuovo centro di chirurgia pediatrica d’eccellenza progettato dall’architetto Renzo Piano; o nello Yemen, dove stanno per iniziare le nostre attività mediche a sostegno della popolazione vittima di un conflitto sanguinoso, in un territorio inaccessibile.

10 anni fa, il 1° settembre 2009, se ne andava lasciando un vuoto incolmabile la fondatrice e prima presidente di EMERGENCY, Teresa Sarti Strada.
Teresa diceva sempre a tutti che “se ognuno di noi facesse il suo pezzettino, ci troveremmo a vivere in un mondo migliore senza neanche accorgercene”. Così è nata e cresciuta, in un quarto di secolo, EMERGENCY.

Teresa Sarti Strada

In questo particolare momento, mentre disumanità, indifferenza ed egoismo dilagano anche in un’Europa che rinnega ancora una volta solidarietà e uguaglianza, mentre il lavoro di chi soccorre e salva vite umane viene criminalizzato, insieme a Il Mitte faremo “un ulteriore pezzettino”. Questa rubrica contribuirà a raccontare i nostri progetti nel mondo e a divulgare una cultura di pace, solidarietà e rispetto dei diritti umani, come EMERGENCY fa da 25 anni.

Questo spazio s’intitola infatti “Raccontare la pace” e parlerà anche di quel che accade in Germania e delle iniziative qui promosse dalla nostra organizzazione, con l’obiettivo di farla conoscere bene anche a chi non è italiano e per trovare nuovi sostenitori.

A proposito, qui cerchiamo sempre nuovi volontari per EMERGENCY Deutschland.
Chi volesse partecipare attivamente potrà contattarci e anche venirci a trovare in uno dei prossimi banchetti informativi che abbiamo in programma.
Vi terremo aggiornati!

(Può interessarvi anche: Aeham Ahmad, il pianista di Yarmouk: in fuga dall’Isis, usa la musica per celebrare la vita)