© SORAT-Hotels / CC BY NC ND 2.0
© SORAT-Hotels / CC BY-NC-ND 2.0

Manca sempre meno all’inizio della prossima edizione della Berlinale, il festival internazionale del cinema di Berlino, che si terrà dal 5 al 15 febbraio. Ecco 8 cose che già sappiamo della rassegna, il cui programma verrà svelato il prossimo 27 febbraio.

1. Prima le donne

La pellicola che aprirà la 65esima edizione della Berlinale, il prossimo 5 febbraio, sarà “Nobody wants the night” della regista spagnola Isabel Coixet, che gareggerà anche nella competizione internazionale per l’Orso d’Oro. Questa coproduzione spagnola-francese-bulgara è ambientata nel 1908 in Groenlandia ed è un “ritratto della vita di due donne in circostanze estreme”. Nel cast ci sono Juliette Binoche e l’attrice giapponese Rinko Kikuchi (più informazioni qui).

2. Il ritorno di Malick

Dopo l’exploit di The Tree of Life e il mezzo flop di To The Wonder, il regista de “La sottile linea rossa” torna con Knights of Cup. Il 71enne ha girato il film nel 2011, e sono stati necessari 2 anni di post-produzione prima della sua uscita. C’è grande attesa per la pellicola, che racconta la vita da star, ricca di ipocrisie ed eccessi, nel jet set cinematografico dei giorni nostri. Nel cast tre nomi di prim’ordine: Natalie Portman, Christian Bale e Cate Blanchett (più informazioni qui).

3. Un Orso per Wim

Berlino premierà il suo regista-simbolo, la sua icona più rappresentativa: Wim Wenders. Wenders, che oggi ha 69 anni, riceverà l’Orso d’Oro come riconoscimento ad una straordinaria carriera, che lo ha portato a vincere la Palma d’Oro a Cannes (nel 1984), il Leone d’Oro aVenezia (nel 1982) e l’Orso d’Argento alla Berlinale (nel 2000). Qui abbiamo raccolto 10 sue citazioni che hanno lasciato un segno nella storia, del cinema e non solo.

4. Il tributo a Rosi

In memoria di Francesco Rosi, il regista italiano morto all’inizio di gennaio all’età di 92 anni, tra le figure più rappresentative del cinema europeo del secondo novecento, la Berlinale 2015 proietterà una delle sue pellicole più conosciute: Uomini Contro, del 1970.  «La perdita di Rosi è la perdita di un regista fantastico», ha spiegato il direttore della rassegna Dieter Kosslick. «Con il loro potere esplosivo, i film di Rosi sono convincenti ancora oggi» (più informazioni qui).

5. 50 sfumature di grigio

L’attesa versione cinematografica del best-seller di E. L. James, diretta da Sam Taylor-Johnson e interpretata da Jamie Dornan, nel ruolo di Christian Grey, e Dakota Johnson, in quello di Anastasia Steele, verrà proiettato per la prima mondiale durante il prossimo Berlin International Film Festival l’11 febbraio. Alla première saranno presenti gli attori protagonisti, la regista, lo sceneggiatore Kelly Marcel che ha adattato il romanzo al grande schermo e ovviamente l’autrice della trilogia (più informazioni qui).

6. Buon compleanno Technicolor!

La prossima berlinale celebrerà una delle innovazioni tecniche più importanti della storia del cinema: l’introduzione del technicolor, di cui ricorrono i 100 anni nel 2015. Per celebrarlo, una retrospettiva dedicata: il filone comprende circa 30 film storici, dei quali 6 film britannici e alcuni dei quali restaurati, tutti girati dal 1915 al 1953 (più informazioni qui).

7. Sotto a chi tocca (decidere)

Dal Cigno Nero all’Orso d’Oro: sarà Darren Aronofsky (1969) a presiedere la giuria del festival. Il pluripremiato regista ha diretto alcuni dei film più importanti dell’ultimo quindicennio: da Black Swan a Requiem for a Dream, fino a The Wrestler, Leone d’Oro a Venezia nel 2008 (più informazioni qui).

8. Generazione Italia

Ci sarà anche una presenza italiana nel programma di Generation, la sezione della Berlinale 2015 dedicata ai film di registi emergenti che trattano tematiche attinenti ai giovani. Si tratta di “Short Skin” del regista fiorentino Duccio Chiarini, qui alla sua prima opera di lungometraggio. La commedia, girata tra Marina di Pisa e Forte dei Marmi, è stato realizzato nell’ambito delCinema College, il prestigioso laboratorio internazionale di cinematografia che fa parte del programma della Biennale di Venezia (più informazioni qui).

1 commento

Comments are closed.