[© Santiago Atienza on Flickr / CC BY 2.0]
[© Santiago Atienza on Flickr / CC BY 2.0]

Berlino cambia e si rinnova: incessantemente, costantemente. Impossibile transitare per le strade di Berlino senza imbattersi in almeno uno degli oltre centomila cantieri che affollano ogni anno le sue vie.

Attorno alla Porta di Brandeburgo si trovano più lavori in corso che in qualsiasi altra città della Germania. A Monaco c’è un cantiere ogni 115 metri, ad Amburgo uno ogni 196. A Berlino, uno ogni 53 metri.

“Berlin ist die Hauptstadt der Baustellen” dicono da queste parti, “Berlino è la capitale dei cantieri”, e non c’è nulla di più vero. Lo sanno bene al Centro di Coordinamento che ha sede nell’ex aeroporto di Tempelhof.

Qui, decine di persone cercano di organizzare e gestire la viabilità cittadina minimizzando l’impatto che i cantieri hanno sul traffico e le code. Ogni giorno, il loro monitoraggio copre contemporaneamente più di 500 siti.

Il problema, spesso, riguarda la tempistica: molte aziende forniscono le applicazioni per i propri cantieri soltanto pochi giorni prima dell’inizio della costruzione. Difficile, dunque, realizzare pianificazioni a medio-lungo termine.

A questo link, potete vedere l’impressionante mappa realizzata da BZ sui quartieri aperti in questo momento in città.

1 commento

  1. Anche in Italia abbiamo tanti cantieri e che durano da circa 50 anni. Quelli sulla Salerno – Reggio Calabria. Siamo costantemente informati da Anas e Infostrada.

Comments are closed.