AperturaAttualitàCronacaCronaca Germania

È morto il disoccupato più famoso della Germania

Si può diventare famosi per tantissimi motivi, specialmente da quando esistono i social. Ogni Paese e ogni città ha i suoi personaggi particolari, in questo senso, che hanno raggiunto la fama nei modi più diversi. Arno Dübel, per esempio, è diventato famoso come il “disoccupato più famoso della Germania”.

46 anni senza lavoro: il disoccupato da record

L’uomo, che è morto pochi giorni fa in un ospedale di Amburgo, all’età di 67 anni, era celebre per aver sempre rifiutato di lavorare fin da quando, nel 1976, terminò l’apprendistato. Per 46 anni, Dübel visse a spese dello Stato, diventando il più celebre destinatario di Hartz IV (il sussidio che è stato recentemente trasformato in reddito di cittadinanza) nella storia del welfare tedesco. A renderlo famoso non è stato tanto il fatto di essere disoccupato, quanto la scelta consapevole di rimanere tale. “Chi lavora, fondamentalmente è stupido” è una delle frasi che i media più frequentemente attribuiscono a Dübel.


Leggi anche:
Germania, dal 1° gennaio nuovo reddito di cittadinanza: tutto sul Bürgergeld

Il tentativo di avviare una carriera nello spettacolo

Qualche anno fa, Dübel aveva tentato di capitalizzare sulla sua fama da disoccupato “superstar”, provando a lanciarsi, senza successo, nella carriera di cantante pop. Sono ancora online i video dei suoi due singoli, fra i quali spicca “Ich bin doch Lieb” (“in fondo sono dolce”), nel quale Dübel celebrava i pregi delle sue scelte di vita.

L’anno scorso aveva dichiarato di voler rompere il suo record di quasi mezzo secolo di disoccupazione per intraprendere una carriera televisiva. Secondo quanto riportano la Berliner Zeitung e altri giornali, un manager si sarebbe fatto avanti per gestire i diritti del “marchio Arno Dübel”. Anche questo tentativo, tuttavia, è caduto nel vuoto. Il mondo dello spettacolo non sembrava avere interesse per tale “marchio” e tutte le apparizioni di Dübel sui media tedeschi sono sempre state legate alla sua particolare scelta di vita. Di lui si parlava con sdegno o con divertita curiosità, a seconda dell’orientamento politico e del tono generale del programma televisivo nel quale la sua situazione veniva discussa.

Il mistero del cadavere scomparso

Dopo la sua morte, un’ultima stranezza si è aggiunta alla sua già insolita storia: il cadavere di Dübel è sparito. Non tanto perché qualcuno lo abbia sottratto, ma perché nessuno sembra sapere dove sia finito: il defunto non è stato cremato in nessuno dei crematori della città né sepolto nel cimitero locale e l’ospedale nel quale è deceduto non sembra avere informazioni in merito. L’unica ipotesi avanzata è che si siano fatti avanti possibili parenti per farlo trasportare in un altro Land.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
i