AperturaPoliticaPolitica internazionale

Il gasdotto Nord Stream 1 chiuso per lavori. Habeck teme che non venga riaperto

Oggi, lunedì 11 luglio, è stato chiuso il gasdotto Nord Stream 1, che trasporta il gas dalla Russia alla Germania, precisamente a Lubmin, vicino a Greifswald nel Meclemburgo-Pomerania Anteriore. La motivazione ufficiale sono i lavori di manutenzione della struttura che, stando alle previsioni del governo tedesco e alle comunicazioni delle autorità russe, dovrebbero durare circa dieci giorni.

Nonostante questa chiusura sia formalmente limitata nel tempo, il Ministro dell’economia Robert Habeck (Verdi) e l’agenzia federale per le reti hanno espresso il timore che possa trattarsi di un pretesto e che la società che gestisce il gasdotto possa non riaprirlo al termine del periodo previsto di sospensione del servizio.


Leggi anche:
La Russia taglia il gas a Italia e Germania. Salgono i prezzi

 


La capacità del gasdotto Nord Stream 1 era già stata ridotta a giugno

La quantità di gas trasportata attraverso Nord Stream 1 era già stata ridotta notevolmente a metà giugno – la motivazione ufficiale era il malfunzionamento di una turbina, che dovrebbe essersi risolto con l’importazione del relativo pezzo di ricambio dal Canada. Peraltro, il governo ucraino ha giudicato molto negativamente la scelta del Canada di praticare un’eccezione al regime delle sanzioni contro mosca per permettere la consegna della turbina in questione.

Il governo canadese ha motivato la propria decisione con la necessità di scongiurare le gravi conseguenze che un’interruzione totale della fornitura di gas comporterebbe per la Germania in particolare, ma anche per tutto il resto d’Europa.

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte su Facebook!

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
i