[© ronny on Flickr / CC BY 2.0]
ronny on Flickr / CC BY 2.0]

Francoforte – Si sa, la popolazione musulmana dell’Assia, e della Germania in generale, è numerosa e attiva nel tessuto sociale della nazione. Tuttavia i problemi non mancano e cittadini tedeschi fedeli all’Islam ancora risentono di un riconoscimento incompleto da parte dell’apparato statale. Con un nuovo provvedimento il sistema scolastico dell’Assia ha deciso di rimediare almeno un po’ alle sue carenze, iniziando ad insegnare religione islamica a scuola.

Le tensioni tra musulmani e non musulmani qui in Assia non sono mancate. Il “proselitismo” dei gruppi salafisti estremisti nelle scuole della regione è stato al centro del dibattito nei mesi scorsi e lo scontro tra le autorità pubbliche e i leader carismatici di questi movimenti hanno assunto toni abbastanza accesi. Per dare un’idea del seguito che questi gruppi hanno , si pensi che nei mesi scorsi ben due ragazzi francofortesi, entrambi giovanissimi, sono morti in Siria combattendo per la Jihad contro il regime di Assad.

*Leggi tutte le notizie sulla tua città su Il Mitte / Francoforte*

I corsi di religione islamica affiancheranno alla pari quelli pensati per gli alunni cattolici e protestanti o quelli di etica per le famiglie non religiose. Inizieranno già al primo anno di scuola e punteranno sull’insegnamento dell’Islam come religione di tolleranza e rispetto. Si tratta di un percorso di integrazione che equiparando tutti i gruppi religiosi si rivolge al resto della popolazione, sancendo un riconoscimento ufficiale di questa minoranza consistente che abita nelle nostre società.

Secondo molti insegnanti questo provvedimento arriva tardi, dopo decenni di esclusione, quando ormai la coscienza islamica dei tedeschi musulmani si è formata nelle scuole coraniche e autonomamente dall’educazione alla convivenza e all’appartenenza alla società civile tedesca. Inoltre questo provvedimento si restringe solo alle scuole dell’Assia, essendo il sistema scolastico a gestione regionale. Ciò rende difficile pensare un provvedimento analogo che abbia efficacia a livello federale.

Di fatto ogni Land dovrebbe autonomamente introdurre i corsi di Islam. In parte sono già stati compiuti passi in questa direzione. Sono diversi i Länder (tutti nell’ovest, nell’est ci sono notoriamente pochi musulmani) che offrono già un servizio simile, ma la particolarità dell’Assia è che l’amministrazione pubblica, in questo caso, ha deciso di farsi carico dell’intero programma, compresa la formazione degli insegnanti. Ogni insegnante deve intraprendere 240 ore in più per avere la qualificazione di insegnante di religione musulmana. I corsi si svolgono all’università di Giessen.

Forse la soluzione è solo parziale e tardiva, ma in ogni caso non può che essere un bene il cambio di rotta dopo anni di esclusione su base religiosa di una così grande fetta della popolazione.

[ale.gra]

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte Francoforte su Facebook!