Da San Francisco a Berlino a bordo di una Mini? No, questo DriveNow ancora non può offrirlo, per il resto, però, questa innovativa forma di car-sharing pare stia raccogliendo consensi in tutta la città.

Poco più di un anno fa la BMW ha annunciato la sua partnership “DriveNow” con Sixt, la società europea di noleggio auto con sede a Pullach, Germania. DriveNow è una formula di car-sharing attiva in quattro città tedesche: Berlino, Monaco, Düsseldorf e Colonia, che ha fatto il suo debutto negli Stati Uniti, a San Francisco, nel mese di giugno.

DriveNow ti permette di individuare, tramite un’app scaricata sul tuo smartphone (o un computer), un auto disponibile nelle immediate vicinanze. Il primo passo da fare è, però, l’iscrizione tramite il sito o l’app ad un costo di 29 euro, in questo modo si otterrà un DriveNow ID personale. Una volta prenotata, o individuata, l’auto più vicina, non serve far altro che aprirla con il proprio ID e accenderla con il PIN personale tramite la schermata DriveNow presente all’interno del veicolo.

Il costo? Oltre ai 29 euro di membership, pagherete 0,29 euro al minuto quando la macchina è in movimento e 0,10 euro al minuto quando l’auto è parcheggiata. Il carburante è già incluso nel prezzo e il team di DriveNow rifornisce le vetture su base regolare, ma se nel momento in cui noleggiate la vettura, trovate questa con meno del 25% del pieno, si ha la possibilità di farlo gratuitamente con una carta pensata appositamente. In questo caso, si riceveranno 20 minuti di credito.

I vantaggi maggiori sembrano però essere altri. In primo luogo, spostandosi con un’automobile DriveNow tutti i parcheggi saranno gratuiti: niente ticket, niente permessi per residenti o altri costi aggiuntivi. In secondo luogo, una volta terminato di utilizzare la shared car, non sarà necessario riportarla dove l’avete precedentemente noleggiata. Potrete parcheggiarla in qualunque punto della business area, anche sotto casa vostra.

Girando per Berlino è facile imbattersi in una Mini di DriveNow (nella maggior parte dei casi, ma affittano anche BMW serie 1 e x1) e nell’era degli smartphone e delle apps, l’idea progettata da DriveNow è decisamente al passo con i tempi. Ma funziona davvero in una città come Berlino?