Piscina e gallerie d’arte, ecco la “factory” per le start-up

5 June 2012

Share Button

Un rendering notturno del progetto

Tre grandi edifici, ora completamente vuoti, saranno riconvertiti in lussuosi uffici open space. Nel mezzo un giardino con un campo da basket, un ristorante e addirittura un pezzo del memoriale del muro: a Berlino sta per nascere una factory tutta dedicata alle start-up.

Si tratta, in parole povere, di un immenso spazio di co-working in cui diverse compagnie trasferiranno (o apriranno) la loro sede. Tra di esse c’è Soundcloud, che dirà addio al suo ufficio di Rosenthaler Straße e porterà qui computer e personale. Il progetto è finanziato da JMES Investments, da S+P Real Estate, e da altri investitori privati.

[/caption]

Gli edifici della Factory si trovano al confine tra Mitte, Prenzlauerberg e Wedding. I lavori, tutt’ora in corso, verranno ultimati nel prossimo novembre. Simon Schaefer, che sta coordinando i lavori, spiega: “Per ora abbiamo 10mila metri quadrati di spazio a disposizione, ma vogliamo crescere ancora”. Nel seminterrato ci sarà anche un’area fitness e, probabilmente, una piscina. “É quello che ci auguriamo, ne stiamo valutando la fattibilità”, spiega Schaefer.

Si tratta, forse, del più ambizioso progetto di questo tipo mai realizzato a Berlino e in Europa. La Factory, come giusto tributo al suo nome, ospiterà anche alcuni artisti, che a rotazione presenteranno le loro opere nella galleria per esposizioni situata al piano terra dell’edificio principale. Un modo ulteriore per creare una comunità “totale”, in grado di diventare una risorsa per la Berlino del futuro.

Share Button