La Berlino nazista negli scatti a colori di un ingegnere norvegese

14 novembre 2013

Share Button
Berlin 1937_0 (public domain)

Thomas Neumann / Public domain

Un reperto importantissimo, unico nel suo genere: queste fotografie, rese pubbliche dall’Archivio Nazionale norvegese tra il 2011 ed il 2012, sono equiparabili ad una scoperta archeologica di assoluto valore.

Fino a pochissimo tempo fa, infatti, gli scatti a colori risalenti al periodo nazista di Berlino giunti fino a noi si contavano sulle dita di una mano. Queste foto, trovate all’interno di un vecchio baule, sono arrivate ai giorni nostri in perfetto stato.

Le immagini ci riportano alla Berlino del 1937, quando il nazismo era nel periodo di massimo “splendore”. Si possono vedere scene di vita quotidiana, persone a passeggio, le grandi bandiere con la Svastica che sventolano davanti al Berliner Dom.

A scattarle fu un ingegnere, Thomas Neumann, membro del partito nazista norvegese e direttore della propaganda ad Oslo. Neumann utilizzò una pellicola Agfacolor Neu, a quel tempo di nuovissima generazione e per questo utilizzata solo da pochissimi appassionati.

L’uomo, che nel 1937 abbandonò il partito (e trascorse l’ultima parte della guerra in carcere), morì nel 1978, lasciando le fotografie stipate in un vecchio contenitore. A trovarle, nel 2007, è stata la figlia, che ha deciso di donarle all’archivio nazionale. Eccone alcune tra le più belle.

Berlin 1937 (public domain)

Thomas Neumann / Public domain

Berlin 1937_3 (public domain)

Thomas Neumann / Public domain

Berlin 1937_2 (public domain)

Thomas Neumann / Public domain

Berlin 1937 (public domain)_5

Thomas Neumann / Public domain

Berlin 1937_4 (public domain)

Thomas Neumann / Public domain

Berlin 1937_6 (public domain)

Thomas Neumann / Public domain

Berlin 1937_7 (public domain)

Thomas Neumann / Public domain

Berlin 1937_8 (public domain)

Thomas Neumann / Public domain

Share Button

7 Responses to La Berlino nazista negli scatti a colori di un ingegnere norvegese

  1. Ale 4 dicembre 2012 at 13:14

    Grazie della segnalazione! Ecco, magari non le definirei “belle”. Casualmente sto leggendo un libro che parla proprio di quegli anni – Nachrichten aus Berlin 1933-36 di Antoni Graf Sobánski (Rowohlt) – e queste immagini mi aiutano a visualizzare, diciamo. Non so se conoscete già il libro: è una raccolta di reportage di questo intelletuale polacco liberale che torna alla sua amata Berlino dopo la machtergreifung dei nazisti e registra come la Repubblica di Weimar si colora progressivamente di marrone.

    Rispondi
  2. Francesca 4 dicembre 2012 at 15:37

    grazie! ma non ho capito se sono esposte da qualche parte. Dove è possibile vederle? oppure sono pubblicate in volume?

    Rispondi
  3. Enrico 5 dicembre 2012 at 21:57

    Sono visibili a questo indirizzo
    http://www.vintag.es/2012/11/color-photos-of-berlin-in-1937.html

    Rispondi
  4. Barbara 11 dicembre 2012 at 14:15

    A me fanno venire i brividi!! Non riesco mai ad essere obbiettiva anche se si tratta di un’eccezionale scoperta come questa quando si parla di quel periodo.

    Rispondi
  5. PEPPINO 11 febbraio 2013 at 20:23

    La storia è storia non la si può cambiarae, ma tentare di capire, queste foto aiutano un pò.

    Rispondi
  6. roberto 23 febbraio 2013 at 13:50

    Le ho guardate tutte su flikr e mi ha stupito nessuno abbia identificato i luoghi ma abbia solo usato termini generici come piazza o strada.
    Forse la sofferenza patita dall’Europa e richiamata dal significante delle foto ha rilegato i luoghi nell’oblio o nell’indifferenza.
    Ho visitato Berlino qualche anno fa e la sequenza delle foto ripercorre alcune mie lunghe passeggiate al freddo fatte per capire, conoscere e ricordare. Uno spazio nella mia testa necessitava di contenuti di prima mano e qualcosa è rimasto impresso.
    Secondo me le prime foto del Berliner Dom sono chiaramente prese in Am Lustgarten. Le successive potrebbero essere di Unter den Linden e il lungo viale alberato probabilmente è Strasse des 17 Juni. Questo è quanto ho ponderato in base alle suggestioni immediate: naturalmente col beneficio del dubbio.
    Anche “Der Himmel uber Berlin” da una visuale inconsueta ripropone lo stesso viale.
    E’ stato un piacere scoprire “il Mitte”. Vi seguirò affettuosamente.

    Rispondi
  7. Enrico 11 giugno 2013 at 09:11

    Grazie per questa segnalazione; le foto sono bellissime e mostrano un altro punto di vista della Berlino anteguerra. Piano piano l’ipocrisia propagandistica postbellica verrà soppiantata da autentici documenti storici dall’indubbio valore oggettivo.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *