roaming gratuito
Photo by LordFerguson©

di Sara Bolognini

A quanto pare giugno si prospetta un mese di cambiamenti positivi, per quanto riguarda la telefonia mobile.
Pare infatti esserci, finalmente, una buona notizia per tutti quelli che vogliono utilizzare il proprio cellulare anche all’estero senza spendere cifre esorbitanti: a partire dal 15 giugno tutte le tariffe per il roaming verranno infatti abolite. Questo significa che telefonare, navigare in internet e mandare sms negli altri Paesi dell’UE costerà come mandarli da casa, senza sovrapprezzi (“roam like at home”). Ciò varrà anche per nazioni come l’Islanda, la Norvegia e il Lichtenstein e si applica ovviamente a tutti coloro che vivono all’interno dell’Unione Europea.
Un regime particolare si applicherà tuttavia ai piani telefonici con traffico dati illimitato e alle carte prepagate.
Questa novità farà particolarmente felici tutti coloro che si recano spesso all’estero per lavoro e sicuramente gli expat che tornano spesso a casa per visitare la famiglia.

Per quanto riguarda i contratti per la telefonia mobile, le condizioni di utilizzo saranno inoltre espresse più chiaramente. La Germania vuole infatti fare della trasparenza la parola chiave nel campo delle telecomunicazioni.

Altre novità, riportate anche dal Berliner Zeitung:

Stipendi e salario minimo

A partire dal primo giugno si alza il salario minimo per i lavoratori temporanei: da 8.50 Euro all’ora a 8.91 a est e da 9.00 a 9.23 a ovest. Sono previsti ulteriori aumenti entro il 2019, ma, soprattutto, si stima che l’assurda differenza degli stipendi tra est e ovest sarà soppressa entro il 2021.

Televisione

La televisione via cavo analogica scomparirà anche in Germania. Il processo si innescherà nel mese di giugno, partendo dal Baden Wüttenberg e finendo con il Nordrhein Westfalen. Il cambiamento riguarderà 640 000 utenti, che dovranno comprarsi un ricevitore per il digitale terrestre.

Autostrade

Tutti coloro che compreranno la “vignetta” autostradale svizzera, a partire dal primo giugno risparmieranno cinquanta centesimi. Il prezzo della vignetta passerà da 38.50 Euro all’anno a 38 Euro tondi. Solo in Svizzera il costo rimarrà di 40 Franchi.