cosa fare a Pasqua
Photo by zigel©

di Axel Jürs

In Germania ci sono due giorni di festa, per Pasqua. Berlino e Brandeburgo si sono attrezzati per i turisti e con due gionate libere si può diventare turisti anche “in casa”. Naturalmente ognuno ha le sue preferenze, ma perché non fare qualcosa che normalmente non si farebbe? Qui offriamo alcune proposte, di diverso tipo.

Per chi ha sempre avuto il desiderio di capire cosa dicano nelle messe evangeliche tedesche:

Al Berliner Dom c’è un bel Welcome service per chi non parla troppo bene il tedesco, ma in compenso capisce l’inglese. I volontari della parocchia salutano infatti gli stranieri, offrono cuffiette e traducono tutta la messa. Spesso sono madrelingua o vengono da famiglie bilingui. Chi vuole ringraziare può lasciare una menzione nel “Guest Book” del Welcome Service. Bella anche la tradizione del Kindergottesdienst: i bimbi da tre a dieci anni, prima della predica per gli adulti, sono invitati a prendere parte a un programma adatto alla loro età.

Per chi ha voglia di fare qualcosa di produttivo:

Tanti contesti “ad hoc”, per esempio l’IGA, offono in questi giorni interessanti work-shop nell’ambito dei quali è possibile imparare a realizzare da soli decorazioni per Pasqua o mazzi di fiori da regalare.
Alcuni imparano anche a confezionare sciarpe , magari per fidanzati e fidanzate. I risultati non sono sempre eccelsi, ma volendola vedere dal lato giusto, indossare il capo in questione è di sicuro una prova d’amore.

Per chi vuole viaggiare su binari, ma in modo molto speciale ed ecologico:

Ci sono varie offerte di piccoli viaggi in “draisine” (vetture che si muovono solo con propulsione umana e su binari storici). Chi va da Zossen a Mellensee usa i binari della storica Militäreisenbahn).

Per chi vuole rilassarsi o divertirsi in acqua:

Ci sono varie “Erlebnisbäder” e “Thermen” di ogni livello di entertainment e lusso. Dall’event-bagno Turm, a Oranienburg, alle terme più rilassanti a Bad Saarow.

Per chi ha paura di vedere il classico “Tatort” da solo:

Il federalismo tedesco esiste anche nella criminalità, almeno in quella televisiva. Oltre alla serie di gialli trasmessi dalla ZDF, c’è infatti un classico chiamato “Tatort” (luogo del delitto). Da più di quarant’anni ogni stazione TV regionale presenta, in occasione della Pasqua, i suoi commissari e, tramite loro, le sue regioni e città.
Nel frattempo è diventato di culto, e non solo a Berlino, incontrarsi la domenica sera presso Kneipen “specializzate” in questo tipo di programmazione e divertimento, le cosiddette “Tatort-Kneipen“.

Per chi vuole vivere da tifoso nella capitale tedesca:

Oggi gioca l’1. FC Union, squadra berlinese di serie B che sta per salire in serie A. Si confronterà con l’1. FC Kaiserslautern, un altro nome con una grande storia alle spalle, che però in questa stagione sta lottando contro la retrocessione in serie C. Chissà cosa direbbe Fritz Walter, capitano dei campioni dei mondiali del 1954, di questa situazione? Comunque a Köpenick, presso lo stadio “Alte Försterei”, i supporter vivono il tifo in modo molto speciale e vale davvero la pena sperimentarlo. I biglietti sono ancora in vendita nelle casse dello stadio, per quanto riguarda il settore degli ospiti.

E per chi non ha paura di niente:

Venerdì Santo ha aperto lo Strandbad Wannsee. Troppo freddo? Ma no, non c’è più ghiaccio e con 11 gradi l’acqua è “bella calda” al confronto con l’area circostante, come pare abbia detto un signore di 70 anni nel momento dell’Anbaden (primo bagno). Temerario!