kantine def flyer

di Luca Ciabatti

Dopo il successo avuto a Dicembre, il  primo maggio, 030 showcase si ripete. Lo scenario è sempre lo stesso, così come il concept, ma per chi è inquieto, curioso e non può cessare la voglia di andare oltre le sue aspettative, 030 – la label nata a Berlino ma di origini italiane – ripropone l’evento strettamente legato alla scena underground, facendo la sua seconda apparizione alle Kantine am Berghain. Il party mira a proporre il suono techno e scuro di Berlino noto ai dancefloors di tutto il mondo, mettendo in mostra artisti affermati e meno noti allo stesso modo, grazie ad un elemento essenziale di cui il brand 030 fa capo: la passione verso le espressioni artistiche contemporanee che spingono a tenere sempre un livello professionale alto. Il motore per creare situazioni inedite, d’altronde, non è che la brillantezza delle idee.

[soundcloud url=”https://api.soundcloud.com/users/1495421″ params=”auto_play=false&hide_related=false&show_comments=true&show_user=true&show_reposts=false&visual=true” width=”100%” height=”450″ iframe=”true” /]

Lo showcase comprenderà l’alternarsi alla consolle di cinque artisti che sono stati o sono tutt’ora strettamente collegati alla label: Micol Danieli, owner e fondatrice della label, Conrad Van Orton, Sleeparchive, Wirrwarr e la ciliegina sulla torta, il noto DJ Pete. L’obiettivo alla base del party, è quello di collegare il pubblico direttamente alla città, non solo attraverso la musica ma anche attraverso le immagini. Sarà dunque la performance visual offerta da Deconstruct a supportare la musica proposta dai vari artisti per tutta la notte, il collante in un viaggio tra il mondo esterno e reale, e quello astratto del suono.

berghain photo
Photo by Alberto Cabello Mayero