cooking your life

di Luigi Huober

Sabato 20 settembre alle 21:30, nella Galiläa Kirche in Rigaer Str. 9, si terrà l’evento di apertura della campagna di Crowdfunding istituita per produrre “COOKING YOUR LIFE (and making a show)”, uno spettacolo di teatro sperimentale che si propone di toccare tutti i differenti aspetti che orbitano intorno al pianeta Cibo.

A sostenere  la produzione di questo spettacolo teatrale vi sarà un programma internazionale di tutto rispetto che comprenderà una serie di performance multimediali, dalla proiezione di video, a concerti dal vivo e DJ set. Alle 24 verrà presentata la campagna  di Crowdfunding, a cui seguirà un party open end.

„COOKING YOUR LIFE (and making a show)“ è una riflessione su quello che mangiamo, su come lo mangiamo ed una rivelazione di quello che avviene “dietro le quinte” di un ristorante, nel luogo dove i sapori vengono creati, messi in condizione di vivere e di essere vissuti. Uno sguardo alternativo alle pietanze che ci vengono servite.

Si tratta di una produzione italo-giapponese, ideata e prodotta da artisti berlinesi di adozione e provenienti da diversi angoli del mondo. Uno fra tutti, l’Italia. Lo show è stato concepito per essere compreso in due lingue: inglese e giapponese ed verrà portato in tour partendo da Berlino e toccando diversi paesi fino ad arrivare in Giappone.

cooking your life 2Estrapolati dalle formalità ed inseriti essi stessi in un contesto scenico, gli spettatori potranno quindi imparare la parte ludica e spettacolare della preparazione di ricette ed avranno la possibilità di assaggiarne i risultati divenendo in tal modo una parte integrante dello spettacolo stesso.

Habitat naturale dello spettacolo saranno le cantine e i foyer dei grandi teatri. La scelta delle “Kantine” non è casuale. Il pubblico riconosce in questi spazi un luogo diverso,  rinfrescante, una sorta di rifugio che aiuta a staccarsi dalla pressione della scena e della sala e dai codici comportamentali e linguistici che ne derivano.

Protagonista ed autore dello spettacolo è Cristiano Gambeex Campus, della jellyair productions, che vanta una lunga esperienza nella produzione cinematografica e, più in generale, artistica internazionale: frontman del collettivo di artisti Mutoid Waste Company e collaboratore in opere di artisti internazionali come Pet Shop Boys, Terry Gilliam e Aki Kaurismäki.

“Da una lunga esperienza lavorando nei ristoranti o essendo comunque a contatto con l’ambiente cucina – dice Campus – ci siamo trovati a doverci confrontare con il frenetico ritmo della pausa pranzo. La gente non mangia gustando, provando, assaporando. La testa è già fissata sulla seconda parte della giornata lavorativa. Stendere le gambe sotto il tavolo, prendere il tempo per gustare ogni singolo sapore che ci viene proposto boccone dopo boccone non si fa più”.

A Campus si aggiungono Yuki, un’artista e musicista giapponese che proporrà delle rivisitazioni personali della musica tradizionale italiana e internazionale, Olivier Coloni, tra i fondatori dell’Europäisches Theater Institut, scuola di recitazione in cui insegna fino al 2014 e che a Berlino ed internazionalmente si è distinto nella direzione di diverse produzioni  e Josef „Zeppy“ Hausstatter, artista poliedrico con alle spalle  una lunga esperienza di collaborazioni tra musica e film, componente attiva in diverse band, tra cui i Feedbackorchester, gruppo cult di Kreuzberg formato da 8 chitarristi elettrici che si esprimono unicamente suonando feedback sui loro strumenti. Produzione e drammaturgia  sono affidate a Cecilia Trautvetter, come il resto della crew ormai berlinese a molti effetti.

La cucina sarà un mezzo per unire i due poli del mondo e soprattutto un messaggio per fare rifletteresu un problema che accomuna l’intero sistema odierno. Ovunque il nutrirsi è diventato finanche una perdita di tempo, una sottrazione di minuti alla vita reale, si mangia camminando. Si cercherà di analizzare le similitudini tra la cultura giapponese e quella italiana, sottolineandone i punti culinari in comune, come la calma dedicata alla preparazione, si pensi alla cerimonia del tè.

L’evento che darà inizio alla campagna si terrà nella Galiläa Kirche del Jugend[widerstands]museum, il museo sulla resistenza giovanile della DDR. Un luogo da visitare, di grande interesse dal punto di vista storico e sociale, che offre al possibilità al visitatore di avere un punto di osservazione  privilegiato e di comprendere le difficili condizioni in cui vivevano i giovani sostenitori di forme di cultura alternative nella DDR.

 Il 20 settembre verrà anche reso attivo il link attraverso il quale sarà possibile partecipare attivamente alla campagna e dare il proprio sostegno su Indiegogo.

Per ulteriori informazioni relative allo spettacolo rivolgersi alla:

jellyair productions; Cristiano Campus
Brückenstr. 4, 10179, Berlin
Tel.: 015789165194
E-Mail: [email protected]

oppure a

Cecilia Trautvetter
Tel. 017 775 302 15
E-Mail: [email protected]