[© Loz Flowers on Flickr / CC BY SA 2.0]
Una vecchia installazione di Ai Weiwei [© Loz Flowers on Flickr / CC BY-SA 2.0]

3000 metri quadrati, 18 stanze, centinaia di opere inedite. Quella che si inaugurerà il prossimo 3 aprile al Martin-Gropius-Bau di Mitte sarà la più grande personale mai allestita da Ai Weiwei.

Il celebre artista contemporaneo cinese, che si occupa di scultura, architettura e fotografia, porterà a Berlino opere create appositamente per l’evento o installazioni che non sono mai state mostrate prima d’ora in Germania.

L’esibizione si intitola Evidence e porta con sé, come la maggior parte delle opere di Ai Weiwei, un messaggio di denuncia politica contro il regime cinese, di cui è sempre stato fiero oppositore. Nel 2011 venne imprigionato per 81 giorni dalle autorità di Pechino senza prove a suo carico. “Evidence” infatti significa proprio “prova”, e il riferimento al periodo della detenzione è tutt’altro che causale.

Berlino ha sempre accolto Weiwei con grandi onori: nel 2011, fu nominato membro onorario alla Universität der Künste (UdK). Sempre nello stesso anno, il 57enne tenne la sua prima mostra berlinese al Martin-Gropius-Bau: “Ai Weiwei: New York Photographs 1983-1993” si focalizzava sul periodo trascorso dall’artista in America.

“Evidence” sta già facendo parlare di sé a causa di una gigantesca installazione (Stools, 2014) realizzata utilizzando seimila sgabelli come quelli usati nella Cina delle dinastie Ming e Qing, esposti uno accanto all’altro all’interno del Lichthof dell’edificio (sulla Berliner Zeitung qualche foto in anteprima).

Organizzata da Berliner Festspiele, la mostra sarà aperta dal 3 aprile al 7 luglio 2014. I biglietti costeranno dagli 8 agli 11 euro. Gratis per i ragazzi fino ai 16 anni.

Cosa?
Ai Weiwei – “Evidence”

Quando?
3 aprile – 7 luglio 2014
dal mercoledì al lunedì dalle 10 alle 19
chiuso il martedì
dal 20 maggio tutti i giorni 10.00-20.00

Dove?
Martin-Gropius-Bau
Niederkirchnerstraße 7
10963 Berlin
Tel +49 30 254 86-0
Fax +49 30 254 86-107
[email protected]