© Oksiana on Flickr / CC BY-SA 2.0
© Oksiana on Flickr / CC BY-SA 2.0

di effeerre*

La Germania è in una tavoletta di cioccolata “Ritter Sport”.
Lo slogan ricapitola tutto. Quadratisch. Praktisch. Gut.
C’è da aggiungere altro?
Sì. La sua dimensione sportiva, da zainetto. Da cicloturismo.

Poco più di 500 calorie, energia vincente da sana e robusta colazione.
La piccola scritta: “Hergestellt in Waldenbuch, Deutschland. Familienunternehmen seit 1912” riporta alla tradizione tedesca delle buone cose. Un borgo ai margini delle foreste del Baden-Württemberg, foreste profonde e scure come il cuore del cioccolato. Una data insieme aurea e operosa, acerba e non troppo innocente, il 1912, l’ultima orchestrina della Belle Époque: e un uomo, Alfred Ritter, che muove i suoi passi coraggiosi e fonda una piccola, incredibile, industria.

È l’esoticità della cioccolata che apre al viaggio in terre oltremare, il fascino irresistibile del tedesco per il selvaggio: sigillato in una piccola cornice colorata, riconoscibile, standardizzata.
In linea con la tradizione del packaging nord europeo, danese, scandinavo, è cioccolata venduta come un mattoncino Lego.

***

stazione precedente | stazione successiva

Nächste Station Ponte

Nächste Station è una raffinata collezione di appunti sparsi e di testi nati casualmente nei café, sulle metropolitane, mentre si aspetta un dürum döner, sesamsoße, ohne rotkohl e altri generi di attese berlinesi.

È pubblicata (ir)regolamente su il Mitte ogni 3/4 giorni.

efferre, al secolo Filippo Rosso, è nato e cresciuto a Roma. Il suo sito è www.filipporosso.net