[© renee.hawk on Flickr / CC BY ND 2.0]
Teufelsberg [© renee.hawk on Flickr / CC BY-ND 2.0]
di Nora Cavaccini*

L’aeroplano è un Jet F-18 con le ali a freccia interamente blu.
Lo manovra un uomo con un telecomando in mano e un cappellino in testa.
Il cielo, questa domenica mattina, sembra fatto solo per loro.
L’uomo trattiene il respiro mentre l’aeroplano volteggia, sfiora in aria un aquilone, precipita sul fondo della collina e poi riprende rapidamente quota.
Lo si sente sibilare con un giubilo lontano, mentre una vecchia torretta assiste silenziosa e immobile alle sue giravolte.
Lo fa dall’alto di un cumulo di macerie.
Chiese, negozi, case, uffici, palazzi e fabbriche.
Tutta roba che non esiste più, ridotta a polvere e pietre, buone al massimo per costruire una collina artificiale come questa qui, su cui adesso giace la torretta.
L’aereo intanto incrocia una nuvola.
Proprio in mezzo a una nuvola precipitò un giorno una bomba.
E poi un’altra. E un’altra ancora.
Piovevano sopra Berlino mentre il cielo fischiava.
Molti di più erano gli aerei, e ben più grandi; intorno non stava neppure un aquilone.
15 tonnellate di piombo caddero e 75, 000, 000 metri cubi di sassi furono quelli da smaltire.
Li raccolsero le donne.
Poi li ammonticchiarono fino a farne delle colline sopra le quali costruire ancora.
Davanti a una di queste colline, sfreccia adesso quel piccolo F-18 con le ali blu.
Lo manovra un uomo con un telecomando in mano e un cappellino in testa.
Attorno gli si affolla una ciurma di bambini curiosi e tutti biondi.
Vorrebbero partecipare, ma l’uomo non dà loro soddisfazione.
Ci vuole attenzione e perizia.
Non è mica un gioco, questo.

***

Naviga la mappa del post:

* Questo post è stato pubblicato originariamente su Povera Ma Sexy – Postkarten aus Berlin, un progetto di Nora Cavaccini. Segui il progetto su Facebook.

Povera Ma Sexy – Postkarten aus Berlin è un “viaggio” fisico e letterario. Un percorso che nasce dall’esperienza personale di chi scrive ma che, al tempo stesso, può rappresentare una via alternativa per scoprire la città. Per tutti coloro che, in un modo o nell’altro, ne subiscono il fascino. Berlinesi e non.

Ogni post è costituito da un breve un racconto. A ogni racconto è associata una mappa. Qui, cliccando sugli indicatori, comparirà una descrizione. Si tratta di informazioni “turistiche” che non mirano ad essere esaustive ma a collocare meglio il racconto nei luoghi che lo hanno ispirato.