© Ubitricity / press photo
© Ubitricity / press photo

Tra pochi mesi, i guidatori di auto elettrica potranno essere in grado di ricaricare le batteria della propria vettura dal lampione stradale più vicino. Il tutto, ovviamente, a emissioni zero.

Succede a Berlino, dove una startup – Ubitricity – ha sviluppato un sistema di erogazione dell’elettricità attraverso i vecchi “pali della luce” della città. Ad una piccola scatola metallica applicata al lampione dotata di presa, gli automobilisti potranno attaccare la propria utilitaria elettrica, accedendo ad una ricarica rapida e sempre a portata di mano.

Un grande risparmio per la città: secondo l’azienda, infatti, le centraline applicate ai lampioni costeranno all’amministrazione decisamente meno rispetto alla costruzione di nuove stazioni di ricarica. Trecento euro anziché quasi diecimila.

Gli utenti, registrati nel sistema, sbloccheranno l’accesso all’energia elettrica attraverso l’utilizzo di un’apposita carta. Alla fine riceveranno sul proprio conto bancario il totale da pagare, che potranno saldare comodamente online.

Nella fase di sperimentazione iniziale, i convertitori di Ubritricity saranno installati su circa 100 lampioni cittadini. Berlino, però, ha un piano più ambizioso: secondo i progetti, circa 800 punti di ricarica per auto elettriche verranno installati entro la fine del 2015. Una rivoluzione in vista?

1 commento

Comments are closed.