[Wikimedia Commons / Public Domain]
[Wikimedia Commons / Public Domain]

Francoforte – Il ministro degli interni Boris Rhein lo ha annunciato: le body-cam arriveranno anche sullo Zeil.

Sono le piccole telecamere indossate dai poliziotti di pattuglia che riprendono quello che gli agenti vedono davanti a sé. La sperimentazione, la prima a livello nazionale,  era partita a Sachsenhausen nella zona die locali lo scorso ottobre e ora verrà allargata al viale del centro.

L’esperienza a quanto pare sembra aver funzionato bene e il ministro, non solo pensa di portare le body-cam anche sulla principale strada commerciale di Francoforte ma in futuro anche in altre zone “delicate” come Wiesbaden e Offenbach.

Il problema è che «gli sviluppi sullo Teil non vanno bene» dice in conferenza stampa. Troppa microcriminalità legata alla scena notturna.

Certo, i poliziotti avranno chiare disposizioni che possano in qualche modo rassicurare i cittadini che le pattuglie non saranno gli agenti di un nuovo grande fratello. Le telecamere saranno chiaramente visibili e segnalate da un giubbotto con la scritta Videoüberwachung– videosorveglianza. Inoltre la registrazione non sarà costante ma comincerà solo in caso di necessità. Niente audio e, almeno per ora, le telecamere saranno attivabili solo negli spazi pubblici.

A Sachsenhausen, a quanto dice il ministro, gli attacchi alla polizia sono sensibilmente diminuiti, non solo sicurezza per i cittadini quindi, ma a quanto pare anche e soprattutto quella degli agenti. Il nuovo giocattolo per i già attrezzatissimi robocop francofortesi dovrà essere impiegato sullo Zeil da dicembre.