deutschermobilitaet

«Francoforte è al centro del traffico dell’intero continente europeo», parola di Peter Feldmann, sindaco di Francorte. Dal prossimo 7 novembre, proprio nella città sul Meno avrà luogo il primo congresso tedesco sulla mobilità, il Deutsche Mobilitätskongress.

L’evento è organizzato dalla Deutschen Verkehrswissenschaftlichen Gesellschaft (DVWG), il cui presidente è Knut Ringat, capo della Geschäftsführer des Rhein-Main-Verkehrsverbundes, nota ai più semplicemente RMV: l’azienda dei trasporti dell’area metropolitana di Francoforte si proporrà infatti come punto di incontro nazionale sul tema della mobilità sia su corta che lunga distanza.

Questo sarà solo il primo di una serie di incontri che si susseguiranno durante l’anno. L’obiettivo della riunione sarà offrire a soggetti politici, scientifici e economici un luogo di incontro e scambio per esigenze e soluzioni ai problemi connessi a traffico e mobilità.

Così il sindaco, patrocinando questa iniziativa, coltiva ancora di più il ruolo centrale di Francoforte nella mappa degli scambi europei. Se l’incrocio autostradale sotto la città è infatti il più trafficato di Germania, l’aeroporto è il principale hub dell’Europa continentale.

Ciò nonostante la città non perderà di vista le ricadute interne di questo ruolo importante all’interno del continente. Proprio il problema del rumore sarà uno dei temi centrali del congresso. Spesso al centro di polemiche e proteste nell’area francofortese è quello prodotto dal traffico aereo ma non è da sottovalutare quello automobilistico.

Così per l’amministrazione cittadina è prioritaria la costruzione delle già pianificate Regionaltangente West e Nordmainische S-Bahn. La prima dovrebbe essere una linea ferroviaria che i una nuova S-Bahn e una nuova ferrovia tangenziale a ovest della città  l’altra una S-Bahn che colleghi Frankfurt ad Hanau.

Nel frattempo però i cittadini dovranno accontentarsi della nuova ciclabile che collega il nord della città al centro cittadino terminata proprio ieri dopo 14 mesi di lavori.

(ale.gra)