cane

La Germania, si sa, ha una marcia in più nella raccolta dei rifiuti. Dopo il pfand, la nuova trovata tedesca è quella dei cani netturbini.

Sperimentata in Bassa Sassonia, a Lüneburg, l’iniziativa si è dimostrata efficace grazie all’addestratrice Kate Kitchenham.

Il motto dei cosiddetti Waste-Watch-Dog è non a caso: “Fiffi, prendi la bottiglia!”.

I cani vengono attrezzati con un collare di riconoscimento e allenati ad accatastare la spazzatura che solitamente la gente abbandona qua e là.

Ed è davvero quello che ci vorrebbe per ripulire molti dei parchi di Berlino, dove il meticoloso lavoro umano è volto a raccogliere solamente i vuoti di plastica o vetro.

«Dovrebbe essere testato come progetto pilota anche a Berlino», dice Alexander J. Herrmann, della CDU.

L’idea sembra buona, tuttavia l’entusiasmo va ridotto perché le casse distrettuali sono vuote.

L’alternativa potrebbe rivelarsi allora organizzare l’azione attraverso il volontariato. Da sempre nostri fedeli compagni, «i cani sono animali domestici, che invece di andare a caccia o condurre le pecore, spesso rimangono sui divani a ingrassare», sostiene Kate Kitchenham. Pertanto avrebbe senso impiegarli come spazzini, per il bene della città.

«L’importante è che ci sia del divertimento», perché anche ai nostri amici a quattro zampe interessa il lavoro salariato.

(e.bar)

2 Commenti

  1. ‘Na strunzat? Sempre meglio di ciò che “non” facciamo noi con la nostra spazzatura, in Italia. Qui s’inventano la qualunque per mantenere le strade pulite.. e con queste strunzat qui la spazatura viene riciclata, solo solo perché per ogni città c’è un inceneritore, se vuoi sapre un’altra strunzat, la Germania si compra la spazzatura italiana per riciclarla, quindi se non ne trovi in giro, è grazie alla Germania che fa sulu strunzat.

Comments are closed.