[© Rick Cooper on Flickr / CC BY 2.0]
Rick Cooper on Flickr / CC BY 2.0]

di Valerio Bassan

Siamo nell’era del turismo mordi-e-fuggi, nell’epoca del low cost. La crisi ha cambiato il modo in cui viaggiamo. Non ci sono più vie di mezzo: a fronte di un ristretto gruppo di journeymen impegnati in lunghe trasferte pianificate o avventurose, sempre alla ricerca di nuovi percorsi e nuove vie per approfondire la conoscenza del luogo di destinazione, sono sempre di più i viaggiatori da trolley, in grado di visitare una capitale in 48 ore o un intero stato in poco più di una settimana. Per la maggior parte di noi, dunque, qualcosa forse si sta perdendo.

Non è detto, comunque, che non si possa trovare una via di mezzo, un antidoto alla superficialità. Qualcosa che possa coniugare le esigenze economiche e l’autenticità di un viaggio vissuto in profondità, addentrandosi nella cultura del luogo in cui ci si sta recando. È esattamente questo che sta provando a fare Lookals, startup basata a Berlino ma con forti radici in Italia: i co-fondatori, Marco Vismara (28) e Viviana La Colla (28), sono entrambi italiani, così come Peppe Sirchia, già anima del progetto Meedori, che gestisce la parte tecnica direttamente da Catania.

«L’inizio della storia di Lookals è la fine del viaggio di Klas, che al ritorno a Berlino dopo un soggiorno in Italia, si trova ad affermare davanti ai suoi increduli amici italiani “voglio diventare comunista”», racconta oggi Vismara. La presunta svolta politica del ragazzo tedesco, però, ha radici più nello stomaco che nella mente. «A Bologna, Klas è rimasto folgorato da un’indimenticabile serata trascorsa alla Festa dell’Unità, lo storico festival della sinistra italiana, in un mix di cucina popolare, vino rosso e proposte culturali». Una scoperta inaspettata, arrivata solo grazie all’incontro fortuito con uno studente locale, terminato seduti ad una tavolata di legno, davanti ad una porzione di lasagne e una caraffa di vino della casa.

Lo scopo di Lookals è proprio quello di offrire esperienze selezionate ed autentiche al di fuori delle consuete rotte turistiche, ma non per questo di minor fascino per il viaggiatore. La startup ha lanciato poche settimane fa la versione beta del suo sito: per il momento, le proposte sono tutte concentrate a Roma e dintorni, in quella che secondo Vismara è l’area ideale per iniziare a proporre il servizio. Oggi si può scegliere tra una visita al lago Nemi, dove si celebra il Culto di Diana Nemorensis (60€), un’originale visita panoramica a bordo dei tram (45€), un’esplorazione del Colombario di Pomponio Hylas o del Mitreo del Circo Massimo (8€).

CONTINUA A LEGGERE SU LINKIESTA.IT

1 commento

Comments are closed.