echo

Agli Echo Music Awards piace far parlare di sè. Se la scorsa edizione ha suscitato interesse per il bacio saffico, in diretta sul palcoscenico, tra la conduttrice Barbara Schöneberger e la cantante Ina Müller, anche quest’anno le luci sono puntate sul Musikpreis.

Gli ECHO sono i premi assegnati dalla Deutsche Phono-Akademie ai maggiori artisti tedeschi ed internazionali. Come ogni anno, il vincitore della categoria rock/pop del più importante premio musicale tedesco, verrà annunciato a marzo. Ma è il boicottaggio, quest’anno, ad essere al centro dell’attenzione.

La band dei Kraftklub ha infatti chiesto alla propria casa discografica di assicurarsi che la loro candidatura al premio venisse ritirata, come protesta alla candidatura del gruppo rock sudtirolese Frei.Wild, che sembrerebbe promuovere tendenze nazionaliste e di destra.

I Kraftklub, la band che ha rinunciato alla nomination per protesta.
I Kraftklub, la band che ha rinunciato alla nomination per protesta.

“Siamo felici di essere stati nominati con band quali Mia., Die Toten Hosen, Unheilig e Die Ärzte ed è anche un peccato perdere il bellissimo party che si tiene dopo lo show”, così si sono espressi i Kraftklub, senza aggiungere altro. Ma non sono i soli. Anche la band electropop Mia. ha rilasciato una dichiarazione sulla propria pagina Facebook: “Troviamo disgustosa la visione del mondo dei Frei.Wild e se non è nostro potere decidere quali artisti vengano candidati agli ECHO, è però nelle nostre mani decidere di astenersi dalla nomination”.

L’assegnazione dei 27 premi avverrà il prossimo 21 marzo e tra le nomination ricordiamo nomi di spicco come Florence + The Machine, Gossip, Mumford & Sons, Of Monsters And Men e The xx nella categoria “Gruppi Rock/Pop Internazionali”; Lana Del Rey e P!nk per le “Artiste Rock/Pop Internazionali”; Joe Cocker, Mark Knopfler, Eros Ramazzotti, Bruce Springsteen e Robbie Williams nella categoria “Artisti Rock/Pop Internazionali”.