carshare

Il 2012 è stato l’anno dei record per il car sharing in Germania. Secondo la Bundesverbandes Carsharing (BCS), infatti, sono stati più di 450mila i tedeschi che hanno usufruito del servizio, la cifra più alta di sempre. Il totale, in dodici mesi, è aumentato del 50%, con 150mila nuovi “utenti”.

Traino di questo successo è stata proprio Berlino. Delle 12mila automobili condivise a livello nazionale, infatti, ben 2300 si trovano nella capitale. Il merito di questo successo va (anche) ad operazioni come DriveNow, Car2go e Multicity, che hanno contribuito a rendere il meccanismo del car sharing ancora più comodo e diffuso, attirando un numero sempre maggiore di utenti.

Sono ben sette i fornitori di vetture condivise a Berlino; un sito sempre aggiornato per confrontare tariffe e modalità locali è Carsharing Berlin. Secondo i rappresentanti della BCS, gli utilizzatori del car sharing in tutto il paese dovrebbero diventare all’incirca due milioni entro il 2020.

Se si rapporta il numero di utilizzatori al numero di abitanti, Berlino non è però la capitale del car-sharing in Germania: Karlsruhe, Düsseldorf, Monaco di Baviera e Stoccarda sono davanti. Più o meno ovunque, le persone hanno cominciato a vedere il car sharing come una valida alternativa all’auto privata, e le aziende stanno cominciando ad accorgersene. Il settore, del resto, ha un potenziale di mercato enorme. 

Leggi anche: Pedalare gratis: a Berlino il bike sharing non costa nulla