[© Jean-Pierre Dalbéra / CC BY 2.0]
Lo Schloss Charlottenburg [© Jean-Pierre Dalbéra / CC BY 2.0]

Informazioni fondamentali

Distretto: Charlottenburg-Wilmersdorf
Dimensioni: 10,6 km²
Abitanti: 120.793
Affitto medio: 9,29 €/m²
Stazioni principali: Zoologischer Garten, Kurfürstendamm, Wittenbergplatz, Ernst-Reuter-Platz, Wilmersdorfer Straße
Linee: S-Bahn (S5, S7, S9), U-Bahn (U1, U2, U3, U7, U9), Bus

La storia: un quartiere sospeso tra passato e presente

Il quartiere di Charlottenburg, facente parte dal primo gennaio 2001 dell’ampio distretto di Charlottenburg-Wilmersdorf, deve il suo nome a Sophie Charlotte, sposa di Federico III, poi Federico I re di Prussia. Per quasi 500 anni, fino al 1720, sul territorio dell’attuale quartiere si trovava un villaggio chiamato Lietzow, che il principe elettore donò alla sua amata, per poi costruirvi la residenza estiva, il Castello di Lietzenburg. Quando nel 1705 la moglie morì prematuramente, Federico III ribattezzò il castello, e l’insediamento di funzionari di corte che attorno ad esso si sviluppò, col nome di Charlottenburg e concesse a quest’ultimo i diritti municipali. Fu così che, quindici anni dopo, il villaggio di Lietzow divenne Charlottenburg.

Sul finire dell’800, si sviluppò un centro attorno all’area meridionale di Charlottenburg, insieme a quella più settentrionale di Wilmersdorf, che in pochissimo tempo fece tremare quello che allora era considerato il centro vitale di Berlino: Friedrichstraße e Unter den Linden. A fronte della storicità della Porta di Brandeburgo e del viale dei tigli, fino ad Alexanderplatz, con gli anni Venti ad ovest esplose la modernità artistico-culturale della Kurfürstendamm, con i cabaret, i teatri, gli eleganti negozi e i café da ballo, frequentati da intellettuali e artisti.

Un periodo di piume e lustrini che durò poco: con l’avvento del nazismo e della Seconda Guerra Mondiale, Charlottenburg fu uno dei quartieri più colpiti, a livello di popolazione così come architettonicamente. La maggior parte di quegli intellettuali, scrittori e mecenati, che avevano reso Berlino Ovest seducente e ammaliante, e in generale della popolazione del quartiere, erano ebrei. La storia la conosciamo. Molti furono gli edifici abbattuti, come ci ricorda la Gedächtniskirche, con il suo campanile diroccato, e mai ristrutturato, simbolo commemorativo della guerra. Con la costruzione del Muro, la zona divenne il centro indiscusso, la “vetrina dell’ovest”, grazie anche ai nuovi simboli quali l’Europa-Center e l’International Congress Centrum ICC.

Vivere a Charlottenburg

Oggi Charlottenburg è un quartiere tornato a splendere, considerato uno dei più borghesi e chic di tutta la città. Erroneamente, in molti hanno la convinzione che qui la vita sia noiosa e che i suoi confini non abbiano nulla da offrire. Non è così, ve lo garantisce la Redazione de Il Mitte, che nel suo cuore ha preso vita, amandone ogni sfumatura.

Tranquillo e sicuro in ogni sua parte, questo quartiere offre piacevoli zone residenziali anche a est e a nord, al confine con Moabit. I prezzi sono decisamente elevati, rispetto alla media berlinese.

Charlottenburg è sicuramente lontana dalle più conosciute e preferite Prenzlauer Berg o Kreuzberg: la popolazione è in media meno giovane e la vita meno caotica, ma non per questo il quartiere è da considerarsi noioso e senza nulla da offrire. Forse è meno caratteristica e decisamente più simile all’idea di “capitale europea”, ma si vive bene, è bella e non fa mancare proprio nulla. Per un po’ di baldoria? Bastano poche fermate di S-Bahn o della più diretta U1.

Cosa vedere a Charlottenburg

* Schloss Charlottenburg: Il luogo con cui si tende ad identificare Charlottenburg è il suo castello. Resta sicuramente uno dei suoi simboli, ma non il vero centro vitale del quartiere, decisamente più a sud. La sua storia ve l’abbiamo già raccontata, ma non bisogna dimenticare lo Schlossgarten, lo splendido parco progettato da Siméon Godeau. Qui vi imbatterete nel Belvedere, nel Neuer Pavillon e nel Mausoleum, durante una passeggiata in totale relax lungo le rive della Sprea, tra natura e giochi d’acqua.

* Savignyplatz: attraversata da Knesebeckstraße, da questa piazza dipartono le più tradizionali vie residenziali del quartiere. Palazzi eleganti, ristoranti, piccoli negozi per ogni necessità ed una popolazione per la maggioranza tedesca. Savignyplatz è un’istituzione nella vita notturna, che non perde punti neanche alla luce del sole.

 [© Steys_CC BY-SA 2.0]
Vista dalla stazione di Zoologischer Garten [© Steys / CC BY-SA 2.0]

* Zoologischer Garten: lo Zoo di Berlino è un’istituzione a livello globale, prima e dopo l’epopea caratterizzata dal celeberrimo orsetto Knut. Milioni di bambini, dopo essere transitati sotto le sue arcate in stile cinese, hanno riso insieme ad alcuni degli animali più belli e affascinanti del mondo.

* Ku’damm: Charlottenburg è anche il paradiso dello shopping. Il Kurfürstendamm (ve ne abbiamo parlato qui) mantiene ancora intatto il fascino di quei Goldene Zwanziger già citati. È un’aria che si respira passeggiando per questi “Champs-Élysées” berlinesi, tra meravigliose facciate Art Nouveau e Neoclassiche e boutique di lusso. Percorrendolo verso est, all’altezza del complesso dell’Europa Center, con il grande simbolo Mercedes sempre in movimenti sul tetto, il viale curva a destra e prende il nome di Tauentzienstraße: qui lo shopping continua, ma diventa accessibile a tutti con gli stores delle più famose catene d’abbigliamento. L’eccezione è rappresentata dal KaDeWe, il “grande magazzino dell’Ovest” in Wittenbergplatz: 60mila metri quadrati di prodotti, dagli alimentari alla cosmesi, per i quali vi servirà la carta di credito.

[© das_sabrinchen / CC BY ND 2.0]
Il KaDeWe illuminato a Natale [© das_sabrinchen / CC BY-ND 2.0]

Cosa fare a Charlottenburg

Charlottenburg non è solo shopping. Quando l’obiettivo è il relax, le sorprese arrivano inaspettate, passeggiando senza meta per le vie meno battute del quartiere.

* Le fotografie più belle al Camera Work: il Camera Work (Kantstr. 149) è una bellissima galleria fotografica che espone i più grandi fotografi di tutti i tempi, da Man Ray a Richard Avedon, da Peter Lindbergh a Diane Arbus. L’ambiente è amabile, all’interno di un cortile, e la cosa eccezionale è l’ingresso gratuito, sempre e comunque (la galleria è aperta da martedì a sabato, dalle 11 alle 18).

* Una cocktail jazz al Quasimodo: D’estate questo celebre locale offre una piacevole terrazza, che si affaccia direttamente sulle luci del viale e della città. Al suo interno, un concerto quasi ogni sera: jazz e blues soprattutto, ma anche rock, soul e funk… una miscela esplosiva per un salto nel passato. Per una serata ancora diversa, accanto al Quasimodo, ecco il Theater des Westens, 1600 posti per godersi un musical, un vaudeville o l’operetta.

* Due passi con David Bowie: Charlottenburg era uno dei quartieri preferiti dal “Duca Bianco”. Ecco un tour tra i suoi luoghi preferiti a Berlino.

* Shopping sotto la S-Bahn: il Bücherbogen è una grande libreria sotto gli archi della sopraelevata: qui si vendono i più bei libri di architettura, arte, fotografia, design cinema e antiquariato moderno. La fermata è la centralissima Savignyplatz: preparatevi ad attraversare un piccolo vicolo in pavé, dove si alternano due ristoranti (consigliato lo “12 Apostel”) e qualche negozietto. Lì dietro, per una cena tedesca tradizionale in un tipica atmosfera di fine XIX secolo, c’è lo Zillemarkt: bellissimo il suo cortile interno. Per una passeggiata, e una pausa fatta di Käsekuche e latte macchiato, non bisogna fare altro che addentrarsi nelle vie residenziali tra Kantstraße e il Ku’damm: d’estate, com’è facilmente immaginabile, i tavolini all’aperto dei numerosi cafè sono sempre affollati.

© Chris Grabert  / CC BY SA 2.0
Il Lietzensee [© Chris Grabert / CC BY-SA 2.0]

* Una passeggiata verde al Lietzensee: Con la sua caratteristica forma a mezzaluna, il lago Lietzensee è un vero e proprio gioiello nascosto in mezzo ai palazzi. Affascinante, rilassante e comodamente accessibile (la fermata della metro è a due passi), con il suo parco è una delle mete preferite dagli abitanti di Charlottenburg, tanto d’estate, quanto d’inverno. Durante la stagione fredda, infatti, il lago diventa punto di ritrovo per chi ama pattinare sul ghiaccio, mentre nei mesi più caldi offre una bella passeggiata attorno al lago, un bar a palafitta, un’attrezzata area giochi per i bambini e tanti prati per prendere il sole.