appartamentoberlino

L’annuncio era davvero interessante: casa ampia, luminosa, nel centro di Berlino, affitto nella media. E il portale, rassicurante: Immobilienscout24, quasi una garanzia di affidabilità. Eppure, una volta arrivato davanti alla porta d’ingresso, preso in affitto per una settimana,  il ragazzo ha scoperto che quella casa – la “sua” – era già abitata.

La denuncia arriva dalle pagine del Tagesspiegel, secondo cui truffe di questo tipo stanno diventando sempre più frequenti. Protagonista inconsapevole della sventura è stato un fotografo che lavora per il quotidiano berlinese, il quale qualche giorno fa si è trovato alla porta due inquilini non richiesti.

Account fittizi mettono “in affitto” appartamenti inesistenti (o meglio, esistenti, ma di proprietà di qualcun altro), chiedendo un anticipo sulla quota totale di spesa. Proprio questo è l’indizio chiave per capire se ci si trova davanti ad un inganno: non date mai soldi prima del soggiorno.

“Succede ogni tanto”, ha confermato la polizia, mentre un portavoce di Immobilienscout24 ha ammesso che “sì, purtroppo, il nostro servizio è utilizzato anche da persone che pubblicano annunci sotto falsa identità“. Attenti, tra le altre, alle offerte pubblicate da “Kenni Williamz”, tanto fantomatico quanto truffaldino uomo tedesco-scozzese dai molti “non-appartamenti”. Assolutamente da evitare.