Tempelhof visto dall’alto in una vecchia illustrazione

Tempelhof: bambini con aquiloni, kitesurfers, pattinatori, ciclisti e… macchine da corsa. Lo scenario – apocalittico, per molti – potrebbe, in futuro, diventare realtà. A spingere per quest’opzione è il Deutsche Tourenwagen Masters, il Campionato Tedesco Turismo, che vorrebbe disputare una gara stagionale proprio all’ex aeroporto di Berlino, con l’idea magari di estendere il circuito alla Formula Uno.

Quattordici anni dopo la chiusura dell’Avus, finora l’unico circuito automobilistico di Berlino – qui si disputarono anche alcuni Gran Premi nel corso del ‘900 – la capitale tedesca potrebbe tornare ad avere un luogo dove disputare le gare di velocità. Questo, almeno, è l’auspicio del DTM, che avrebbe già avviato alcuni informali contatti con il sindaco Klaus Wowereit.

“Ditemi che è uno scherzo“: la prima reazione all’indiscrezione è arrivata da Chiatte Hermann, rappresentante di „100 Prozent Tempelhofer Feld“, associazione che si occupa di tutelare il parco e che è stata, negli anni scorsi, tra le promotrice di alcune iniziative di successo nell’area dell’ex-aeroporto.

Di scherzo, però, non si tratta. Le verifiche preliminari sarebbero già state fatte, e Tempelhof rispetterebbe i parametri di grandezza necessari all’installazione delle tribune e delle vie di fuga relative alla sicurezza. L’eventualità, del resto, era già stata vagliata in passato: nel 2004 due architetti proposero il riutilizzo dell’area proprio per le gare di Formula 1.

L’idea trova appoggio anche da parte dell’ADAC Berlin-Brandenburg, l’Automobile Club tedesco. Ora bisogna vedere come sarà la reazione dei cittadini, che hanno ormai imparato ad apprezzare lo spazio verde e le larghe piste dell’ex scalo, chiuso nel 2008 e riaperto al pubblico dal 2009 con la nuova veste. Noi ci auguriamo che l’idea passi di moda molto in fretta.

(N.S.)

 

2 Commenti

  1. Ma perché no ? Nelle città dove si disputa il campionato di F1, lo si fa proprio in spazi verdi attrezzate e occuperebbe lo spazio solo un giorno all’anno ! Per il resto sarebbe sempre usufruibile dai cittadini.Anzi parte dei ricavi potrebbero essere destinati alla tutela del parco e di nuove iniziative. Vorrebbe dire molti soldi per Berlino, che ne ha bisogno !

    • Esatto…in moltissime città il circuito di F1 si trova in splendidi parchi o comunque aree verdi (Canada, Australia, la stessa Germania ed altre).
      Se progettato con il giusto criterio e la giusta attenzione il tracciato non rovinerà minimamente il parco. Il 90% delle strutture potranno essere temporanee e il parco potrà continuare ad essere un Parco per tutto il resto dell’anno tranne la settimana del gran premio.
      Per non parlare dell’indotto economico. Con quel che si guadagnerà si potrà mantenere il parco e dotare di servizi sia il parco che l’intero quartiere (il progetto del Surf nel parco, del quale avete parlato in un altro articolo, potrebbe essere finanziato senza problemi).

Comments are closed.