Una delle scuole di Neukölln in cui è stato istituito il servizio di sicurezza

Neukölln sono tornate le guardie davanti alle scuole: anche per l’anno scolastico 2012-2013, le porte dell’Albert-Schweitzer-Gymnasiums e di altri undici istituti saranno presidiate durante tutto il giorno dagli uomini della vigilanza. Una misura precauzionale contro ladri, teppisti e spacciatori.

Gli uomini che sorveglieranno le scuole di Neukölln sono fisicamente robusti, hanno tra i 25 ed i 55 anni di età, una certa esperienza nel campo della sicurezza, e conoscono il turco e l’arabo. Dopo una selezione rigorosa, il quartiere ha selezionato oltre trenta candidati. La maggior parte di loro sono arrivati in Germania come migranti.

Il progetto fu avviato per la prima volta nel 2008. Oggi, come allora, non mancano le polemiche. C’è chi, ad esempio, definisce il progetto come “paramilitare”, sostenendo che contribuisca a creare segregazione e sospetto. Una scelta difesa strenuamente dal consigliere locale per la scuola, Franziska Giffey della SPD.

Tre anni fa, le scuole aderenti erano 16, oggi 11. Per garantire la sicurezza negli istituti, Neukölln ha stanziato circa un milione di euro. 400mila per l’anno scolastico in corso, 600mila per il 2013-2014. Le guardie vengono pagate 8,50 euro all’ora.