Un palazzo di Marzahn (© Il Mitte)

«Abbiamo bisogno di più case popolari»: così Peter Ramsauer (CSU), ministro tedesco dei trasporti, dell’edilizia e dei centri urbani, si è espresso sul tema dell’edilizia sociale. 

Secondo il Ministro, i 518 milioni di euro che il governo dispone ogni anno per finanziare la costruzione di nuove abitazioni non sono ben distribuiti attraverso i vari Länder: nel Nord-Reno Vestfalia, ad Amburgo e in Bavaria,  ha detto il ministro, «questi fondi sono ben sfruttati, mentre a Berlino e nel Brandeburgo no».

«I Länder gestiscono l’edilizia sociale in modo differente gli uni dagli altri, ci sono delle disparità», ha detto. Secondo uno studio pubblicato dal Pestel-Institute di Hannover, in Germania serviranno 400mila nuove abitazioni entro il 2017. Al momento, ne mancano 100mila.

Per Ramsauer «il clima per gli investitori è notevolmente migliorato, dopo anni di magra in cui si spendeva troppo poco». Tuttavia, i partiti di opposizione stanno mettendo pressione al governo affinché ponga dei limiti alla crescita degli affitti.

Oggi, infatti, gli affitti possono crescere del 20% nei primi tre anni. Florian Pronold (SPD), vorrebbe vedere abbassarsi questa percentuale: «Il legislatore dovrebbero dimezzare l’aumento permesso», ha spiegato.