Da qualche secondo, il suo viso si era fatto più pallido. Le parole uscivano a fatica. Improvvisamente, si è accasciato sul leggio, mormorando un “non mi sento molto bene”.

Florian Graf stava tenendo un discorso nel parlamento Berlinese, quando improvvisamente si è sentito male. A soccorrerlo si sono attivati, tempestivamente, il sindaco Klaus Wolvereit e due assistenti, che hanno accompagnato il parlamentare della Cdu fuori dalla sala, mentre il collega di partito Oliver Friederici concludeva il suo discorso.

Graf, 38 anni, stava partecipando al dibattito consigliare sul nuovo aeroporto di Berlino, la cui apertura è stata rimandata alla fine dell’estate quando d’un tratto si è accasciato in seguito ad una vertigine. Secondo gli esami dei medici, il parlamentare avrebbe avuto un problema di natura cardiovascolare, probabilmente un collasso circolatorio.

Ora le sue condizioni di salute sono migliorate e i dottori hanno escluso implicazioni future, “ma Graf ha preferito annullare tutti gli appuntamenti lavorativi fino a domenica”, come ha specificato un portavoce del partito questa mattina.