Il 3 giugno 2012 Berlino inaugurerà un nuovo grande aeroporto, l’Aeroporto di Berlino-Brandeburgo. Lo scalo non sarà altro che l’ampliamento di quello che fino al 1990 fu l’unica via d’accesso internazionale a Berlino Est: l’aeroporto di Schönefeld. L’aeroporto di Tegel, invece, chiuderà, rendendo così il nuovo scalo internazionale l’unico aeroporto berlinese.

L’aeroporto di Berlino-Brandeburgo partirà con una capacità di 27 milioni di passeggeri, una cifra superiore di 3 milioni rispetto al traffico raccolto attualmente da Berlino. “Ma abbiamo già i piani e le autorizzazioni per arrivare a 45 milioni all’anno”, spiegano le autorità. Tra gli “obiettivi” del nuovo aeroporto – oltre a quella, ovvia, di risparmiare denaro mediate la chiusura del doppio scalo – ci sono quello di dare una ulteriore sferzata al turismo e quello di attirare eventi e congressi internazionali.

Il costo totale della costruzione dello scalo si aggira attorno ai 4 miliardi di euro, erogati principalmente da Berlin Airports, società pubblica che racchiude tre soci: la città di Berlino, il Land del Brandeburgo ed il Governo Federale. Qualche numero: gli aeromobili che si potranno posizionare nello scalo saranno 85, mentre i gate saranno 45. Ci saranno tre terminali: uno a sud per Oneworld, due per Star Alliance, Skyteam e le low cost. Tre saranno anche le lounge, di cui la più grande riservata ad Airberlin ed ai partner della compagnia di bandiera tedesca. Il tempo di percorrenza dal nuovo aeroporto al centro della città sarà di circa venti minuti.